In teatro contro l’omofobia

15 Maggio 2012

UDINE. Anà-Thema Teatro in collaborazione con Arcigay e Arcilesbica, in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia, propone un non stop di eventi giovedì 17 maggio dalle ore 16 al Teatro San Giorgio di Udine. Un importante impegno per la compagnia che, dopo una fortunata stagione di spettacoli, decide di appoggiare con il suo lavoro un messaggio sociale molto importante.

La manifestazione si aprirà alle ore 16 al Teatro San Giorgio con il saluto delle autorità, sarà presente l’assessore comunale Enrico Pizza, i vertici di Arcigay e di Anà-Thema; seguirà la presentazione del libro “La storia dell’omofobia” di Paolo Pedote a cura di Mario Brandolin: un libro che si rivolge a chi ama la storia come disciplina per conoscere a fondo l’umanità, ma anche uno strumento per chi lavora nei settori educativi e spesso si trova a dover spiegare quali ragioni abbiano potuto motivare la persecuzione del “diverso”.

Dalle 17.30, gli attori della compagnia daranno vita ad un percorso teatrale che ripercorrerà pagine di letteratura e di teatro; alle 18.30 l’aperitivo offerto dagli artisti sarà un momento per condividere opinioni e visitare la mostra International Campaign “Day Against Homophobia”. Grazie al contributo di importanti organizzazioni internazionali riunisce i manifesti e le campagne internazionali contro l’omofobia degli anni passati. Alle 20.30 l’Assessore alla Cultura Luigi Reitani presenterà il libro “Natura Morta” di Josef Winkler che ha ottenuto nel 2001 il prestigioso premio Döblin ed al quale è ispirato lo spettacolo di Teatro danza “Con delle pesche bianche” che concluderà la giornata di eventi.

Lo spettacolo di Teatro-Danza prodotto da Anà-Thema Teatro torna ad Udine dopo una fortunata Tournèe regionale. Una compagnia tutta al femminile, attrici e danzatrici. L’ispirazione è stata la città di Udine, la sua vita nelle piazze e nelle piccole strade più nascoste, la sua gente, i suoi mercati e i suoi segreti, immagini, fotografie, poesie, e testi partendo dal capolavoro di Josef Winkler “Natura Morta”. Nello spettacolo prende forma la poesia della quotidianità, dei gesti di ogni giorno, dei rumori più comuni e degli stati d’animo. Un’indagine tra le pareti, i muri, le strade, i mercati; ingranaggi che si disegnano nella penombra in cui si muovono figure di donne amate, di ragazze che vivono la vita o che si fermano a guardarla passare, appassite come i loro fiori, oppure fresche come una cesta di pesche bianche o un mazzo di ginestre rosse.

Tutti gli eventi sono gratuiti, è consigliata la prenotazione per lo spettacolo serale al numero 04321740499

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!