Il sound degli Anni sessanta

20 Agosto 2012

PORDENONE. La Biblioteca Civica ospita, martedì 21 agosto alle 18, in collaborazione con Atelier di lettura, l’incontro Gli Stati Uniti con gli occhi degli europei, al centro del quale sarà Vittorio Zucconi, con “L’aquila e il pollo fritto”. Appuntamento in sala Teresina Degan.

The Animals

Il Pordenone Blues Festival, inaugurato dalla splendida Cheryl Porter, che sarà anche madrina e presidente di giuria del 3° Blues Contest Fvg 2012, che si terrà mercoledì 22 agosto nel Chiostro della Biblioteca Civica, entra nel vivo con uno degli appuntamenti più attesi, il concerto The Animals & Friends alle 21 nella Corte interna della Provincia. A introdurre la serata sarà l’aperitivo musicale (dalle 19) Party Blues & Soul con Danny Wilde e Bruno Pisa dj set.

The Animals sono una delle band rock e rhythm & blues più innovative e influenti degli Anni sessanta britannici, e assieme ai Beatles, i Rolling Stones e The Yardbirds, sono diventati una delle band di riferimento mondiale del nuovo rock and roll che ha travolto i giovani di tutto il mondo. Sono il gruppo che più di ogni altro ha contribuito a far nascere un diffuso interesse per la musica nera delle radici, creando una via bianca al rhytm & blues. Attualmente sono formati da John Steel & Mick Gallagher (The Blockheads, The Clash, Paul McCartney), più Danny Handley (Spencer Davis, Bobby Elliott), Ric Lee (Ten Years After) e Peter Barton (Wayne Fontana Mindbenders, The Boomtown Rats Roberts & Crowe). Assieme a loro non ci sarà, come annunciato, Spencer Davis, per motivi di salute, ma il tastierista Zoot Money, uno dei personaggi più influenti della scena R&B inglese e da sempre considerato uno dei musicisti di riferimento dell’organo Hammond degli anni ’60, la cui vita artistica si è già più volte incrociata con quella degli Animals, di cui ha anche fatto parte per un periodo. E durante la serata sarà proprio la magia degli anni ’60 protagonista con i grandi e intramontabili successi degli Animals quali Don’t Let Me Be Misunderstood, We Gotta Get Out Of This Place e, naturalmente, il loro inno House of the Rising Sun. Le prevendite sono aperte a Pordenone da Musicatelli e Plastica, a Udine da Plastic2. In caso d maltempo si va al Deposito Giordani.

Al martedì sera è tempo di Nordic Walking nell’Estate in Città, anche il 21 agosto. L’appuntamento per praticare insieme questa disciplina dai tanti risvolti benefici e adatta a tutti è alle 20.30 sotto la Loggia Municipale con la Polisportiva Villanova.

The story of David Leonard Sutton

Gran finale per FilmMakers al Chiostro alle 21.30, quando verranno annunciati i vincitori dei premi: il Premio Qualità Friuladria alla miglior videoanimazione – giudicato dalla giuria tecnica – e il miglior cortometraggio FilmMakers al Chiostro 2012 – votato dal pubblico. Questa ricca edizione del festival ha rilanciato l’attenzione che Cinemazero riserva alle varie declinazioni della multimedialità, confermando il ruolo di punto di riferimento che la manifestazione si è ritagliata negli anni. L’aumento del numero di lavori internazionali e di cortometraggi selezionati in prestigiosi festival europei e il consolidamento della presenza del pubblico sono segnali significativi dell’importanza che spazi di confronto come FilmMakers al Chiostro hanno guadagnato tra i professionisti e gli appassionati. Prima di spegnere i riflettori su questa vetrina dedicata ai giovani creativi in ambito audiovisivo – organizzato dalla Mediateca di Cinemazero nell’ambito di Estate in Città del Comune di Pordenone, con la preziosa partnership organizzativa e culturale oltre che economica di Banca Popolare FriulAdria (Gruppo Cariparma Crédit Agricole) – verranno proiettati gli ultimi cortometraggi in concorso: Circuito chiuso di Valentino Innocente, Bucle di Aritz Moreno, Ngutu di Daniel Valledor e Felipe Del Olmo, The story of David Leonard Sutton di Alfonso Diaz, Flatmates 3.0 di Francesco Marisei. A seguire l’incontro con Mara Cerri e Magda Guidi, autrici di Via Curiel 8 che sarà presentato fuori concorso. Questo corto pluripremiato – tratto dall’omonimo libro scritto da Mara Cerri e vincitore tra gli altri del Torino Film Festival 2011 – è stato realizzato nell’arco di quasi due anni, con più di 4.000 disegni dipinti a mano in acrilico su carta che, disposti in sequenze progressive, compongono il film e raccontano i personaggi. Ruolo non secondario della loro presenza è quello di membri della Giuria tecnica – insieme al videomaker Michele Bernardi, Francesca Muner per Banca FriulAdria e Sara Pavan che cura la sezione animazione – chiamata a stabilire il vincitore del Premio Qualità FriulAdria per il miglior video d’animazione, che permetterà ai vincitori di realizzare un nuovo lavoro in ambito artistico. Altro premio molto atteso è quello per il Miglior Corto di FilmMakers al Chiostro 2012:

Man on Wire

concluso lo spoglio delle ultime votazioni verranno proiettate le opere vincitrici. A chiudere la nona edizione di FilmMakers le note dei Man on wire, la band friulana composta da Cristiana Basso Moro (Ten Thousand Bees e Arnoux) alla chitarra e cori, Marco Pilia (Oliver) al basso, Nicolò Fortuni (With Love e Smart Cops) alle percussioni e con Stefano Pasutto (Tre allegri ragazzi morti) alla voce e chitarra, per un mix di rock melodico, folk e country. Ingresso libero.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!