Il premio Elsa Buiese

16 Giugno 2013

Anna Elisa De Gregorio

MARTIGNACCO. E’ la poetessa anconetana Anna Elisa De Gregorio, con la silloge “Corde de tempo” la vincitrice del VII Premio Internazionale Biennale di Poesia Femminile “Elsa Buiese”. La De Gregorio è stata scelta dalla giuria, composta da poetesse e scrittrici, tra una rosa di sei finaliste provenienti da tutt’Italia e si è così aggiudicata la pubblicazione della raccolta nella collana “Quaderni di poesia” del Dars, curata da Marina Giovannelli, dalla preziosa grafica e intervento a mano di copertina di Federico Santini. La sua silloge, scritta in dialetto anconetano, è stata giudicata la migliore dalla giuria, composta da Nelvia Di Monte, Marina Giovannelli, Loredana Magazzeni, Fiorenza Mormile, Giulia Rinaldi, e Antonella Sbuelz, oltre a Genny Zampa in rappresentanza del Comune di Martignacco, sponsor del Premio.

Queste le motivazioni: “La scrittura, fluida e comunicativa, percorre tempi ed esperienze della vita, suggerendo rete di relazioni e felicità di sentimenti. Con mano lieve e sicura l’autrice sfiora anche gli aspetti tristi dell’esistenza, senza però indulgere in rimpianti o recriminazioni, indicando invece una via possibile di pienezza, pur nel trascolorare del tempo. La resa poetica risulta valorizzata dall’uso della lingua dell’infanzia, duttile e mossa”.

Il premio, ideato e promosso dal Comitato Dars (Donna Arte Ricerca Sperimentazione) di Udine e realizzato grazie al contributo e alla collaborazione del Comune di Martignacco, dell’Associazione di Comuni “CulturaNuova” e con il patrocinio della Provincia di Udine, è intitolato a Elsa Buiese, poeta originaria di Ceresetto di Martignacco, autrice di testi sia in italiano che in friulano.

Tra le tante raccolte pervenute per l’edizione di quest’anno del premio la maggior parte, ha notato la giuria, erano improntate all’introspezione, con una maggiore ed efficace tendenza al bilinguismo rispetto alle edizioni precedenti, mentre è risultata meno frequente la presenza di temi d’impegno civile.

Cristina Benedetti legge Lapsus

La premiazione, nella Sala Consiliare di Villa Ermacora, allestita per l’evento dalle artiste del Dars, è stata impreziosita dalle note del violino di Lucia Premerl, dalla presenza dl sindaco di Martignacco, Marco Zanor e dell’assessore Gianni Nocent e dalla lettura interpretativa di Cristina Benedetti di uno dei testi più intensi di Elsa Buiese, “Lapsus”. A seguire la poesia che dà il titolo alla raccolta vincitrice, “Corde de tempo”, di questa VII edizione del premio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!