Il Mattia Pascal di Pirandello al Teatro Nuovo GdU

4 Novembre 2015

UDINE. Spettacolo dedicato a uno dei più famosi capolavori di Luigi Pirandello quello in programma al Teatro Nuovo Giovanni da Udine giovedì 5, venerdì 6 e sabato 7 novembre con inizio sempre alle 20.45. Si tratta de Il fu Mattia Pascal che arriva sul palcoscenico friulano nella raffinata ed emblematica versione teatrale proposta da Tato Russo.

02_IL-FU-MATTIA-PASCAL_Maschere300dpiLa pièce reinterpreta in chiave originale e di grande effetto scenico e registico le vicende narrate nel capolavoro del grande scrittore e drammaturgo agrigentino, dato alle stampe nel 1904: incastrato in un’esistenza grigia e priva di sentimenti, vessato dalla suocera e accanto a una moglie che non ama, Mattia Pascal approfitta di un “colpo di fortuna” per troncare con la sua vita precedente e assumere una nuova identità nei panni di Adriano Meis: prende vita così la storia di un uomo alla continua ricerca dell’altra parte di sé e della sua vera identità, perennemente insoddisfatto della propria esistenza e alimentato da un’incessante voglia di riscatto fino al punto di perdere di vista i suoi obiettivi personali.

Tato Russo, che dello spettacolo è regista, interprete principale e produttore, porta alla ribalta nel suo Mattia Pascal tutti i temi topici della produzione pirandelliana – la visione pessimistica del mondo, l’immagine dell’uomo contemporaneo perennemente in bilico tra l’essere e l’apparire – reinterpretandoli con la cura artigianale e il talento che lo hanno reso protagonista indiscusso della scena italiana contemporanea. La contraddizione fra essere e apparire, fra ciò che siamo per gli altri e ciò che davvero siamo si trasforma nello spettacolo di Russo in un viaggio dentro un paesaggio umano dove i rancori, le mancanze, i drammi di incompiuta identità e i personaggi acquistano il valore di una necessaria ricerca di sé.

Sul palcoscenico, a comporre un cast compatto accanto al “mattatore” Tato Russo si alternano Renato de Rienzo, Massimo Sorrentino, Katia Terlizzi, Adriana Ortolani, Salvatore Esposito, Marina Lorenzi, Caterina Scalaprice, Carmen Pommella, Peppe Mastrocinque, Francesco Ruotolo e Lorenzo Venturini. Le scene sono firmate da Tonino Di Ronza, i costumi da Giusi Giustino, le musiche da Alessio Vlad e le luci da Roger La Fontaine.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!