Grande guerra: un corso di aggiornamento per insegnanti (ma pure studenti e cittadini)

2 Febbraio 2015

UDINE. Mercoledì 4 febbraio, nell’Aula Magna del Liceo Scientifico Copernico, in via Planis 25, in concomitanza con le diverse iniziative collegate al centenario della prima guerra mondiale, inizia a Udine il corso di aggiornamento sul tema “La Grande guerra, cent’anni dopo”, rivolto ai docenti della Scuola secondaria di primo e secondo grado in forma di lezione aperta, destinato pure agli studenti universitari e delle scuole superiori e a quanti sono interessati alle tematiche trattate. Promotori del corso di aggiornamento sono l’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione – Friuli Venezia Giulia di Trieste, l’Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione di Udine, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia e il Liceo Copernico.

Il corso si articola in 8 incontri a cadenza settimanale per un totale di 16 interventi a cura di docenti dell’Università di Udine, Trieste, Venezia e degli Istituti promotori. Le lezioni riguardano gli argomenti più discussi e studiati dalla storiografia recente sulla Grande guerra e prevedono anche proposte di attività didattiche, laboratori di storia e avvio di nuove ricerche. Gli incontri sono aperti anche ai cittadini interessati. Il corso si concluderà giovedì 26 marzo. La prima lezione “Il suicidio dell’Europa: una rilettura ‘pacifista’ della Grande guerra. Un’introduzione critica” a cura del prof. Fulvio Salimbeni dell’Università di Udine, si svolgerà mercoledì 4 febbraio nella sede del Copernico, dalle 15.30 alle 17.30.

Di seguito il programma dei successivi appuntamenti.

2° lezione – Il contesto europeo – mercoledì 11 febbraio 2015, ore 15.30 – 17.30. “I rapporti austro-italiani alla vigilia della Grande guerra”, a cura della dott.ssa Giulia Caccamo (Università di Trieste). “Il Litorale austriaco nel contesto della duplice monarchia”, a cura del prof. Roberto Spazzali (Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione – Friuli Venezia Giulia).

3° lezione – Uomini e ideologie – mercoledì 18 febbraio 2015, ore 15.30 – 17.30 “L’interventismo nel programma politico dell’Associazione nazionalista italiana alla vigilia della Grande guerra. Il confronto con gli altri nazionalismi europei”, a cura della prof. ssa Joanna Sondel – Cedarmas (Università Jagellonica di Cracovia). “Carlo e Giani Stuparich, la guerra dei due volontari triestini”, a cura di Fabio Todero a cura del prof. Fabio Todero (Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione – Friuli Venezia Giulia).

4 ° lezione – Soldati – mercoledì 25 febbraio 2015, ore 15.30 -17.30. “Il coraggio della fuga: la condizione dei prigionieri di guerra e le evasioni dai campi di prigionia in Europa”, a cura del prof. Paolo Pozzato (Liceo Scientifico ” Jacopo da Ponte ” – Bassano del Grappa, Vicenza ). “Lontano dalla patria ai confini del mondo. Le prigionie in Russia 1914-1920” a cura della prof.ssa Marina Rossi (Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione – Friuli Venezia Giulia, Società Italiana di Storia Militare).

5° lezione – I civili di fronte alla guerra 1914 / 1918 – mercoledì 4 marzo 2015, ore 15.30 -17.30. “Profughi del Litorale austriaco in Austria e in Italia, a cura del prof. Paolo Malni (Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione – Friuli Venezia Giulia). “Profughi italiani prima e dopo Caporetto”, a cura del prof. Franco Cecotti (Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione – Friuli Venezia Giulia).

6° lezione – I civili di fronte alla guerra 1914 / 1918 – mercoledi’ 11 marzo 2015, ore 15.30-17.30. “Il fronte interno. Il lavoro e la mobilitazione dei civili”, a cura del prof. Matteo Ermacora (Università di Venezia).

7° lezione – Immagini, rappresentazioni, percorsi. “Gli Unni e… gli altri. Satira e propaganda per le terre irredente”, a cura del dott. Piero Delbello (Direttore dell’Istituto regionale per la Cultura istriano- fiumano – dalmata)

8° lezione – Morti di guerra – mercoledì 18 marzo 2015, ore 15.30 – 17.30.
“Per non morire mai. La percezione della morte in guerra e il culto dei caduti nel primo conflitto mondiale”, a cura della dott. ssa Lisa Bregantin (Istituto Veneziano per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea – Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea della Marca Trevigiana). “La memoria costruita: gli ossari ai caduti della Grande guerra sul confine orientale”, a cura del prof. Paolo Nicoloso (Università di Trieste).

9° lezione – La Grande guerra. Storiografia, memoria, didattica – giovedì 26 marzo 2015, ore 15.30-17.30. “Storiografia, memoria, didattica”, a cura del prof. Paolo Ferrari (Università di Trieste). “Due passi per… Il laboratorio di storia all’Istituto ‘B.Stringher’ e la Grande guerra: ricerche, percorsi didattici, proposte di studio, produzione degli studenti”, a cura del prof. Giancarlo Martina (Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Bonaldo Stringher”- Udine). “La Grande guerra in Friuli raccontata al femminile (1915 / 1918). Una proposta di laboratorio per una storia ‘plurale’ nel curricolo scolastico”, a cura della prof.ssa Chiara Fragiacomo (Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione di Udine).

Per i docenti è prevista l’autorizzazione alla partecipazione in orario di servizio. Informazioni presso l’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione (tel. 0432/295475).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!