Grande guerra in 18 pannelli

3 Novembre 2015

ATT00001.MONFALCONE. “A cent’anni dal primo conflitto mondiale cerchiamo di raccontare
la Grande guerra sul fronte del Carso e dell’Isonzo. Qualcuno sperava che quella guerra sarebbe stata l’ultima. Non è stato così. Altre guerre, altrettanto terribili, hanno scosso l’Europa…” È questo l’incipit del percorso di riflessione che il Consorzio Culturale del Monfalconese e il Comune di Monfalcone proporranno, a partire dal 4 novembre, nella centrale Piazza della Repubblica: diciotto pannelli di grandi dimensioni, sviluppati su quasi 30 metri lineari, ripercorrono i momenti principali del primo conflitto mondiale sul fronte del Carso e dell’Isonzo, suggerendo spunti di riflessione, in qualche caso vere e proprie provocazioni, sollecitate da brevi citazioni di filosofi, statisti, scrittori…

L’installazione, realizzata dal Consorzio Culturale del Monfalconese nel quadro del progetto “L’altra mobilitazione”, promosso insieme a numerosi partner italiani e stranieri, gode del contributo della Regione. Sarà presentata mercoledì 4 novembre alle 12, a Monfalcone in Piazza della Repubblica dall’assessore alla cultura del Comune di Monfalcone, Paola Benes e dal presidente del CCM, Davide Iannis.

Sempre nel quadro del progetto “L’altra mobilitazione” è stata avviata già da qualche mese anche la ricerca di foto, memorie e documenti relativi alla profuganza – iniziata immediatamente dopo l’arrivo delle truppe italiane – di civili isontini in numerose località italiane: si trattò di una vera e propria diaspora, che vide centinaia di bisiachi arrivare in Piemonte, in Toscana, in Umbria, e in numerose regioni dell’Italia meridionale

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!