Giorno del ricordo sabato all’Istituto Stringher di Udine

4 Febbraio 2016

UDINE. Convegno sul Giorno del Ricordo, organizzato per gli allievi delle classi quinte dell’Isis Stringher di Udine. L’evento, aperto alle autorità e alla cittadinanza, si terrà sabato 6 febbraio dalle 9 alle 11, nell’auditorium dell’Istituto. L’iniziativa ha il patrocinio del Dipartimento delle Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD), Comitato Provinciale di Udine, presidente ingegner Silvio Cattalini, che porterà il saluto ufficiale e una breve testimonianza personale sull’esodo dalmata.

Esuli istriani davanti al Centro Smistamento Profughi di Udine nel 1957

Esuli istriani davanti al Centro Smistamento Profughi di Udine nel 1957

Il tema dell’incontro sarà: “Insegnare il Giorno del Ricordo”, a cura del professor Elio Varutti, assieme agli allievi delle classi quinte della scuola. Staff di ricevimento a cura dei professori dell’Istituto, Laboratorio dei Servizi di Accoglienza Turistica. Laboratorio dei Servizi di Sala e Cucina. Il convegno fa parte del progetto, sostenuto dalla Fondazione Crup, “Storie di donne del ‘900”, che ha per referente il professor Giancarlo Martina. «Tale progetto didattico – ricorda Anna Maria Zilli, Dirigente scolastico dello Stringher – è incentrato sulla storia del territorio e ha avuto altri importanti patrocini come: “Frauenmuseum Meran” Museo delle Donne Merano (Bz), Comune di Udine, Club UNESCO di Udine, Società Filologica Friulana, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione e il fondo A. Alpago Novello Centro Studi per la montagna di Belluno».

È dal 1996 che lo Stringher si interessa ai temi dell’esodo giuliano. Fu allora che due allieve della sezione turistica, guidate dalla professoressa Nadia Tacus (insegnante di Economia turistica), hanno partecipato, dal 18 al 22 settembre, in veste di “ciceroni” a un viaggio in Dalmazia, con una comitiva di esuli e con Silvio Cattalini, presidente dell’ANVGD. Dal 1997 al 2005 ci fu un periodo di ricerca e di interviste effettuate dagli studenti, culminate con la raccolta di testimonianze dei discendenti di Monsignor Giulio Vidulich (Lussinpiccolo 1927- Percoto 2003), a cura della professoresse Enrichetta Del Bianco e Elisabetta Marioni (insegnanti di Storia). Nel 2007 il professor Elio Varutti (Economia aziendale) pubblicò un libro sul Campo Profughi di Udine e sul Villaggio Metallico, editore ANVGD di Udine.

Dal 2008 lo Stringher con l’ANVGD opera sul Giorno del Ricordo (10 febbraio), con varie conferenze di Silvio Cattalini (esule da Zara) e di Giorgio Gorlato, esule da Dignano d’Istria. Il 3 dicembre 2011 c’è stato un incontro con la signora Rosalba Meneghini, figlia di una profuga istriana di Rovigno. Nel 2012, oltre ad incontri e conferenze, curati dal professor Giancarlo Martina (Storia), fu organizzata una mostra sul “Giorno del Ricordo” nella sede di Via Crispi, ormai abbandonata. La mostra è stata digitalizzata e inserita in Facebook e nel web. Nel 2015 la scuola ha pubblicato “Ospiti di gente varia. Cosacchi, esuli giuliano dalmati e il Centro di Smistamento Profughi di Udine 1943-1960”. Il libro è frutto delle ricerche svolte dagli insegnanti e dagli allievi nell’ambito del Laboratorio di Storia. Gli autori sono i professori: Roberto Bruno, Elisabetta Marioni, Giancarlo Martina e Elio Varutti. Moderatore al convegno 2015 sull’esodo giuliano è stato lo scrittore Mauro Tonino.

Condividi questo articolo!