Enoarmonie a Sagrado con un veterano e una “promessa”

13 Marzo 2015

SAGRADO. Dopo il grande successo del bandoneonista Marcelo Nisinman a Corno di Rosazzo, la IX edizione di Enoarmonie, l’iniziativa dell’Associazione “Sergio Gaggia” di Cividale, domenica 15 (alle 18) per il IV appuntamento si sposta nell’Isontino, a Sagrado ospite dell’azienda Castelvecchio. I protagonisti musicali sono in due stadi molto diversi della loro carriera: l’enorelatore Guido Barbieri, è da più di venti anni tra le più seguite voci di Radio 3 RAI, affermata e poliedrica figura di intellettuale, saggista, drammaturgo e animatore musicale. Ha scritto alcune voci per L’Enciclopedia Treccani e ha realizzato cinque dei venti volumi della ‘Grande Storia della Musica Classica’ pubblicata dall’Editoriale ‘La Repubblica’. Ha composto testi teatrali e radiofonici di argomento musicale (‘Poiché l’avida sete’ dedicato a Carlo Gesualdo, ‘Una voce perduta’ su Farinelli, ‘La civiltà delle macchine’ su Edgard Varèse, ‘Studio senza luce’ su Andres Segovia, per citarne solo alcuni), testi e libretti per alcuni compositori italiani (tra gli altri Ennio Morricone e Silvia Colasanti). Ha ideato opere musicali e spettacoli assieme a Moni Ovadia e Marco Paolini.

Riccardo Giovine (15 anni)Al contrario Riccardo Giovine è un violoncellista adolescente, veneto, talento scintillante agli esordi della carriera che la Gaggia vuole presentare al folto pubblico delle Enoarmonie. Riccardo ha certo ottenuto il primo premio in tutti i concorsi a cui ha partecipato e numerosi altri riconoscimenti, tuttavia è stata un’esecuzione di rara maturità della difficilissima sesta suite per cello solo di Bach, avvenuta a Cividale in occasione del Festival Casals, a concedergli l’opportunità di un intero recital, che lo vedrà impegnato nella riproposizione del brano bachiano e in altre due opere per violoncello solo.

I tre vini che l’azienda Castelvecchio ha deciso di far degustare sono i il Castelbrut, il Traminer aromatico e il Turmino, che senz’altro rappresenteranno al meglio la grande tradizione della Tenuta.

La IX edizione di Enoarmonie è promossa dall’Associazione “Gaggia” col sostegno della Regione, delle Fondazioni Antonveneta e Crup, Comune di Corno di Rosazzo, Azienda Jermann, Tenuta di Angoris, Viticoltori Colli Orientali, Azienda Pitars, Azienda Castelvecchio, Banca Friulovest, Fondazione de Claricini e Slowfood FVG.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!