Due percorsi diversi

2 Settembre 2013

CORMONS. Dal 7 di settembre fino al 27 ottobre, gli spazi del Museo civico del Territorio di Cormons ospiteranno la mostra Sergio Mazzola – Rosanna Morettin Comunicazioni. La rassegna si prefigge di offrire una panoramica su due percorsi creativi così diversi per offrire al pubblico i “segreti” di due personalità forti ed interessanti del panorama artistico regionale.

La pittrice Rosanna Morettin nasce a S.Paolo di Morsano, congiunzione fra cultura del Friuli storico e del Friuli pordenonese. Stimolata dai fermenti della Scuola romana, coltiva la passione per l’arte e il colore. A Roma, le prime esperienze espositive nel 1970, attività che porta in Friuli dove dedica una notevole parte del suo tempo a numerose mostre personali e collettive. I consensi dei maestri della critica sono lusinghieri e rafforzano la ricerca che la porta ad osservare le “cose” da diversi punti di vista e sviluppare quindi svariate situazioni dettate dalle emozioni e da un profondo bisogno di sapere. Le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private in Europa e nel mondo. Fra i vari premi conseguiti ricordiamo il 1° premio della seconda edizione internazionale Mulitsch.

Sergio Mazzola ha diviso la sua vita tra l’insegnamento, fondatore e insegnate presso l’istituto d’Arte “G. Sello” a Udine, la sperimentazione ed il lavoro di orafo e scultore, è stato infatti allievo di Dino Basadella e acclamato organizzatore del Simposio della Pietra Piasentina. Conosciamo Sergio Mazzola come orafo, pilastro creativo essenziale e vitale di quella bottega artigiana denominata “Fucina Longobarda”, realtà virtuosa della nostra regione. La sua produzione viene definita: artigianato artistico.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!