Dirige Sir Pappano

13 Maggio 2013

UDINE. Protagonista la grande musica al Teatro Giovanni da Udine: martedì 14 maggio alle 20.45, per la prima volta al Nuovo, la London Symphony Orchestra diretta da Sir Antonio Pappano. Considerata una delle migliori orchestre al mondo, ha attratto, fin dalla sua formazione avvenuta nel 1904, eccellenti musicisti che spesso coniugano l’intensa attività orchestrale con la brillante carriera solistica, cameristica o didattica e fanno dell’orchestra un polo di assoluto riferimento internazionale che si contraddistingue dalle altre orchestre internazionali per il profondo impegno nei confronti dell’educazione musicale, coinvolgendo oltre 60.000 persone ogni anno nel suo pluripremiato programma educativo.

La London Symphony vanta una lista di collaborazioni con solisti e direttori di orchestra di prima grandezza che include il Direttore Principale Valery Gergiev, il Direttore Laureato Andrè Previn, Daniel Harding e Michael Tilson come Direttori Ospiti Principali, ed è abitualmente diretta, tra i molti illustri musicisti ospiti, da Bernard Haitink, Pierre Boulez e Sir Simor Rattle.

La London Symphony è l’Orchestra Residente del Barbican Centre, il più grande centro teatrale d’Europa, situato nella City di Londra. Ogni anno offre al pubblico londinese oltre 70 concerti e ulteriori 70 in tour internazionale, esibendosi regolarmente in Giappone, in Estremo Oriente e nelle più importanti città europee. L’Orchestra vanta anche una residenza annuale presso il Lincoln Center di New York ed è l’Orchestra Residente internazionale della Salle Pleyel di Parigi. L’autorevolezza della London Symphony, si esalta nella direzione di spiccato temperamento di Sir Antonio Pappano, attuale direttore della Royal Opera House, del Covent Garden e dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Al Giovanni da Udine, l’orchestra sarà impegnata in un omaggio a Witold Lutosławski, con il Concerto per orchestra, eseguito nel centenario della nascita del compositore polacco. Chiude il concerto, la Sinfonia n.5 in mi minore-maggiore op.64 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, compositore del quale Sir Antonio Pappano è considerato uno dei massimi interpreti dei nostri tempi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!