Debutta l’Orchestra AdM

25 Marzo 2014

UDINE. Mercoledì 26 marzo, al Teatro Palamostre di Udine (ore 20.30), nella 92° Stagione di Concerti dell’Associazione Amici della Musica di Udine, serata straordinaria per una ricorrenza importante con il Quartetto Pražák, la Nuova Orchestra AdM – Udine, il Direttore coreano Rin Jong Yang, il soprano Cristina Nadal. Musiche di Respighi, Mozart, Dvorak.

Il Quartetto Prazak

Il Quartetto Prazàk

90 anni fa, il 26 marzo 1924, Ottorino Respighi sceglie Udine e la sua orchestra per presentare in prima mondiale il poemetto lirico ‘Il Tramonto’. E’ Respighi stesso a dirigere l’Orchestra di Udine di allora al Teatro Sociale per la Stagione degli Amici della Musica, ponendo così una pietra miliare nella storia della musica della città e fornendo, senza volerlo, un annuncio scaramantico alla lunghissima storia della Società di Concerti più antica di tutta la Regione. Un anniversario così carismatico non poteva passare inosservato ed è per questo che gli Amici della Musica di 90 anni dopo, hanno proposto lo stesso programma del 1924 con i protagonisti dell’attuale scena musicale legati sia al territorio sia al circuito mondiale. Il concerto, sostenuto dal Ministero dei Beni Culturali, con il contributo della Fondazione Crup, del Comune di Udine e di Eurotech, oltre a sottolineare l’importanza della ricorrenza, sarà anche l’occasione per presentare al pubblico la Nuova Orchestra AdM di Udine, formata da professionisti, giovani talenti e musicisti dei paesi contermini assieme, e qui va sottolineata la novità della proposta, allo storico Quartetto Pražák ed alla guida del direttore coreano Rin Jong Yang.

Due giorni di workshop sotto la guida di tale esperienza e carriera internazionale, d’altronde non isolata avendo il Pražák tenuto seminari preparatori già gli scorsi anni, saranno il preludio alla serata del 26 marzo, che celebrerà la storica presenza di Respighi nella nostra città.

Programma di grande attrattiva quello che verrà presentato. La prima parte vedrà protagonisti indiscussi Pavel Hula e Vlastimil Holek, violini, Josef Kluson, viola, Michal Kanka, violoncello, che presenteranno l’affascinante quartetto op. 61 di Dvorak, di cui si celebrano quest’anno, tra l’altro, il 110 anni dalla scomparsa (1 maggio 1904). Il Quartetto Pražák è oggi una delle formazioni di musica da camera più importanti a livello mondiale. Fondato nel 1972 e perfezionatosi con il Quartetto Vlach ed infine, all’Università di Cincinnati, con Walter Levine, leader del Quartetto La Salle, ha rapidamente guadagnato un posto di rilievo nella tradizione musicale del proprio Paese, vincendo nel 1974 il Primo premio al Concorso per Musica da Camera del Conservatorio di Praga, nel 1978 il Primo Premio al Concorso Internazionale di Radio France. Dopo 40 anni dalla fondazione, ha al suo attivo concerti nelle maggiori capitali Europee Stati Uniti ed in Asia.

Rin Jong Yang

Rin Jong Yang

La seconda parte della serata si apre con il poema lirico ‘Il tramonto’ nell’interpretazione del Prazak e del soprano Cristina Nadal, eccellenza della nostra regione, perfezionatasi a Vienna con H. Zadek e in Italia con R. Kabaivanska. Il poema, su versi di P.B. Shelley, viene riproposto nella versione italiana presentata da Respighi nel ’24, il quartetto d’archi e il contrabbasso. Segue la presentazione ufficiale della Nuova Orchestra AdM di Udine, guidata dall’esperita bacchetta di Rin Jong Yang uno dei più rinomati direttori coreani (Sud Corea), con intensa attività in vari paesi del sud est asiatico e in Europa. Direttore stabile della Suwon Philarmonic Orchestra e della Korea Sinfonietta, è stato direttore ospite della Columbia Art Festival Orchestra, Denver University Symphony, Romanian National George Enescu Philharmonic, Poland Chopin Symphony, Israel Ashidod Chamber,  Kazakstan National Symphony, Swiss Zurich Symphony, Israel Jerusalem Camerata, Ukraine National Symphony, Canada UBC Symphony, Ontario Philharmonic, Czech Janacek Philharmonic, Janacek Camerata, Yakima Symphony. Numerosi i premi e i riconoscimenti tra cui il Merito dal Primo Ministro della Corea e il Guinness Book of Certificate for conducting of “World Environment Concert”. Il programma presentato dalla Nuova Orchestra, le cui prime parti saranno coperte, per l’occasione dagli stessi componenti del Quartetto Pražák, prevede il divertimento KV 136 e la Serenata ‘Eine Kleine Nacht Musik’ di W. A. Mozart.

Un’occasione unica, quindi, per la città, il territorio, per l’affezionato pubblico udinese e per i musicisti che avranno la possibilità di sedere accanto ad artisti di livello mondiale, lavorare con loro ed accrescere il proprio orizzonte artistico, cogliendo gli aspetti più formativi ed esperienziali che sono spesso traguardo delle metropoli o dei grandi centri urbani. Con questo concerto e la proposta degli Amici della Musica per una Nuova Orchestra della città di Udine, si vuole avviare un appuntamento fisso con il pubblico, facendo nascere anche movimenti intergenerazionali e interculturali, ed aprendo la via della professione a tanti giovani talenti che necessitano di uno spazio adeguato per accrescere conoscenza e fiducia in valori immortali e far sì che tanti anni di studio e di dedizione abbiano il riconoscimento che questo percorso merita.

Anche per questo concerto ci sarà un servizio notturno di autobus che di rientro dopo-concerto (biglietto o abbonamento), che partirà dal Palamostre alla fine del concerto con fermata a richiesta.

Condividi questo articolo!