Debutta La chiave del sogno dopo cinque mesi di lavoro

8 Maggio 2014

UDINE. L’atteso “Progetto Opera”, realizzato annualmente dal Conservatorio di Udine e dalle classi convenzionate dell’Istituto Comprensivo 2 di Udine, vedrà la sua prima esecuzione assoluta venerdì 9 maggio alle 10.30 nell’auditorium “A. Zanon” di Udine, con repliche alle 18 dello stesso giorno e alle 18 del giorno successivo, sabato 10 maggio.

La chiave del sogno, opera in quattro quadri, musiche originali dei docenti Andrea Chini e Virginio Zoccatelli, affronta quest’anno il tema del viaggio nel tempo, in epoche diverse, alla ricerca di un significato, attingendo ai ricordi, al trascorso, alla memoria collettiva e all’evoluzione dell’esistenza sulla base di un elemento comune, una chiave, oggetto reale e simbolico. Centoquaranta ragazzi, intrecciando musica, canto, recitazione e movimento, hanno lavorato per cinque mesi, guidati dalla regia di Elisabetta Spagnol, al fine di creare un’unica, grande opera che si avvarrà delle scenografie da loro stessi ideate e dal video “Timeline” realizzato con Paolo Comuzzi. Il progetto prevede un imponente coordinamento dei responsabili delle diverse componenti: Doranna Di Vano (Laboratorio arte dei numeri), Fulvia Spizzo con la collaborazione di Paola Cheli (Laboratorio libretto), Elisabetta Spagnol con la collaborazione di Annamaria Domini, Cristina Marzocco e Alessandra Costaperaria (Laboratorio movimento), Fulvia Spizzo (Laboratorio scenografico e immagini), Annamaria Domini (Laboratorio strumenti), Paolo Comuzzi e Luana Pasut (Laboratorio video), Marina Marin (Laboratorio costumi), Tiziana Comisso, Valentina Sbicego e Carla Ovan (Segreteria produzione). Coordinamento di Alessandra Costaperaria e Saulo Baldassino, maestro del coro Andrea Chini, maestro concertatore e direttore d’orchestra Virginio Zoccatelli.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!