Cos’era l’Amideria Chiozza? Tre incontri per scoprirla

22 Giugno 2015

RUDA. Si chiama “Incontri d’estate” la manifestazione che il Consiglio direttivo dell’Associazione Amideria Chiozza ha deciso d’avviare per far conoscere lo Spazio Amideria (Via Marconi 21, Saciletto di Ruda) e soprattutto consentirà d’incontrare i protagonisti della storia della fabbrica d’amido e sentire dalla loro viva voce racconti affascinanti. Quest’anno gli incontri avverranno da giugno ad agosto. Si comincia il 23 giugno alle 20 con Mario Peressin che descriverà “Il Processo produttivo della Amideria Chiozza”; il 20 Luglio sempre alle 20 Patrizia Guerra, Lidia Da Lio e Alice Chiccaro interverranno su “Il ritrovamento dell’archivio storico dell’Amideria Chiozza e il suo riordino”. Infine il 31 Agosto (ore 20) toccherà a Furio Bianco parlare di “La nascita di un complesso industriale nella Bassa friulana dell’800”.

amideriaNel territorio e nella Comunità di Ruda è profondamente sentita la presenza dell’eredità industriale dell’Amideria Chiozza. Per questo è nata nel febbraio 2014 l’associazione omonima, che ha come soci il Comune di Ruda, cittadini di Ruda, ex lavoratori, studiosi. uniti tutti dalla passione e dalla volontà di fare. Lo Spazio Amideria è la prima realizzazione dell’Associazione, grazie ai locali messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale di Ruda , ma sopratutto grazie al lavoro dei suoi soci. E’ un “contenitore aperto al pubblico“, un sistema polifunzionale ove trovano collocazione: Centro Studi Amideria Chiozza (CSAC) nato in collaborazione con l’Università di Udine, Dipartimento di Storia e Tutela dei Beni Culturali; Museo storico: un primo nucleo museale che presenta e descrive la storia della fabbrica con video, immagini e testi; Archivio dell’Amideria Chiozza, che contiene tutta la storia della fabbrica dal 1927 al 1976; Sala consultazione; Sala conferenze.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!