Cori giovanili a Romans

5 Aprile 2014

ROMANS. Domenica 6 aprile con inizio alle 17.30, in Sala Galupin a Romans d’Isonzo, verrà proposta la manifestazione promossa dall’USCI – Unione Società Corali Italiane della provincia di Gorizia, riservata ai cori di voci bianche e giovanili dell’Isontino. “Una giornata per cantare insieme” è un’iniziativa a carattere itinerante su tutto il territorio provinciale che per la prima volta trova ospitalità a Romans d’Isonzo. Vuole innanzitutto essere occasione per i cori di voci bianche e giovanili per eseguire il proprio repertorio e “mostrare” il cammino fino a quel momento percorso, ma anche per incontrarsi e conoscersi.

Cinque i cori che animeranno la manifestazione: due cori di Propedeutica quello dell’associazione ”Audite nova” di Staranzano e “Non sole voci” di Turriaco diretti entrambi da Caterina Biasiol, il Gruppo vocale “Aesontium” di San Pier d’Isonzo diretto da Loretta Tonon e Ivan Portelli, il Coro di voci bianche Vezeliaki di Doberdò del Lago, diretto da Lucia Lavrencic, e il Coro giovanile “Audite juvenes” di Staranzano diretto da Gianna Visintin.

Questa edizione avrà anche un graditissimo ospite: il Coro giovanile Zaro, proveniente da Pola. Si tratta di 48 ragazzi che, sotto la direzione di Linda Milani, faranno ascoltare un assaggio del loro vasto repertorio. Il coro coltiva principalmente l’aspetto culturale locale – la musica e l’idioma popolare istriano – proponendo le particolarità culturali, le tradizioni e i ritmi della loro regione in tutta la Croazia e all’estero. Come rappresentanti del bilinguismo e multiculturalismo autentico istriano, oltre alle canzoni in lingua croata e nel dialetto ciacavo croato, il coro canta regolarmente in lingua italiana, ma a volte anche in inglese, tedesco, spagnolo. Il gruppo sarà accompagnato dall’assessore della Regione d’Istria, Oriano Otocan, che assisterà al concerto.

Sul palco si alterneranno, quindi, oltre un centinaio di giovani coristi tra bambini, alcuni dei quali piccolissimi, e ragazzi tutti uniti dall’amore per il canto e dalla gioia di cantare in coro. L’incontro si ricollega a “Primavera di voci”, progetto ideato dall’USCI del Friuli Venezia Giulia, che con cadenza biennale prevede un concerto di gala con la partecipazione di cori di voci bianche provenienti da tutte le province a rappresentare la coralità regionale. Ci sarà quindi la presenza di una commissione di ascolto, formata dai maestri Paolo Loss di Trieste e Carla Brovedani di Pordenone, che, con una funzione assolutamente costruttiva e non intesa a stilare una classifica con vincitori e vinti, avrà il compito di indicare chi sarà chiamato a rappresentare la provincia di Gorizia all’appuntamento fissato per il 24 maggio a Udine.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!