Concerto per percussioni e giovani all’auditorium Zanon

26 Maggio 2014

UDINE. Mercoledì prossimo, 28 maggio alle 20.45, l’auditorium Zanon di Udine ospiterà un evento certamente destinato a rimanere negli annali della vita culturale cittadina per il valore, la novità del progetto didattico e artistico e per l’imponenza e il prestigio delle forze coinvolte nella realizzazione. Complesso e articolato percorso ideato dal prof. Giuseppe Tirelli, anima della Scuola di Musica Diocesana di Mortegliano, e attuato in convenzione con la Regione in quanto vincitore due anni fa del bando regionale per le politiche giovanili, vede finalmente coronare un lungo percorso di approfondimento didattico compiuto in collaborazione con le classi di Strumenti a Percussione e di Composizione dei Conservatori di Musica di Udine e Trieste, il Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale, “Musica in Rete” e “Giovanifvg.it”.

Master Class Percussionisti della ScalaNe sarà protagonista il prestigioso gruppo di percussionisti del Teatro alla Scala di Milano, Gianni Arfacchia, Giuseppe Cacciola con Elio Marchesini, Francesco Muraca e Antonello Cancelli assieme ai docenti Roberto Barbieri e Giorgio Ziraldo con gli allievi della Masterclass di percussioni dei due conservatori, il coro dei ragazzi di “Musica in Rete” e il laboratorio corale della scuola di Castions di Strada, impegnati in un itinerario di ammirevole apertura agli stili e alle tendenze della musica contemporanea. Le musiche originali del prof. Renato Miani e di Alessio Domini del Conservatorio “Tomadini”, le elaborazioni e gli adattamenti concepiti dal compositore Valter Sivilotti a partire da un vasto repertorio di musica Pop ed etnica, coroneranno un circolo virtuoso di collaborazione creativa di assoluto valore non soltanto didattico e artistico ma educativo nel più ampio dei significati, attraverso il contatto attivo dei giovani, circa un centinaio quelli coinvolti nella serata, con professionisti di chiara fama.

La valorizzazione dei talenti giovanili attraverso la stretta collaborazione con tali professionisti in seno alla musica e alla multimedialità, costituirà un tassello fondamentale per la loro formazione tecnica e artistica, con il costante riferimento alle specificità culturali e alle tradizioni del territorio regionale nell’ottica della futura attività di promozione del progetto, progettazione di seminari, concerti, incisioni discografiche e inserimenti nel Web. Ulteriori enti pubblici o privati coinvolti nella realizzazione dell’iniziativa sono l’istituto comprensivo Mortegliano – Castions, lo studio di registrazione “Artesuono” di Stefano Amerio, il circolo culturale “Il cantiere”, l’associazione “Iniziative” di Mortegliano e il gruppo scout Cormor – A.G.E.S.C.I. di S. Maria di Lestizza.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!