Concerto dedicato a Berio

29 Marzo 2014

UDINE. Il progetto “Omaggio a Luciano Berio” promosso dal Conservatorio di Udine giunge a un momento culminante, il primo concerto cameristico che si terrà lunedì prossimo 31 marzo alle 20.30 nell’Auditorium delle Grazie di Udine, annesso alla chiesa omonima. Attesa l’esecuzione di una delle pagine fondamentali della produzione del compositore ligure, l’azione scenica su testo di Edoardo Sanguineti Laborintus II per tre voci femminili, voce recitante, otto attori, coro misto, strumenti e nastro magnetico, ultimata nel 1965 e la cui esecuzione è stata progettata in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Lorenzo Perosi” di Campobasso e l’Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine.

In apertura di programma quattro prime esecuzioni di opere di giovani compositori dei Conservatori di Udine e Campobasso concepite in omaggio alla pagina di Luciano Berio, della quale utilizzano in varia misura il particolare organico composto da flauto, tre clarinetti, tre trombe, tre tromboni, due arpe, due violoncelli, due contrabbassi e percussioni, Proiezioni di Alessio Venier, Sunlight on a broken column, Considerazioni su un Corale di Bach di Alessio Domini, Tautologia di Andrea Alzetta e Dante’s Nightmare di Antonio Di Iorio.

Le diverse componenti vocali richieste per l’esecuzione di Laborintus II, coordinate dalla prof. Alda Caiello, docente di canto, collaboratrice di Luciano Berio e tra le maggiori interpreti del panorama europeo, in particolare nel settore della musica contemporanea, provengono da Campobasso e annoverano le voci di Eleonora Claps, Elisa Cesarino e Marianna Petrecca, il coro formato da Antonio Di Iorio, Chiara Ersilia Trapani, Giovanni Santangelo, Paola Petrella (pure voce recitante nel brano Tautologia), Gianfranco Spensieri, Giusy Tiso, Valentina Galano e Roberta Fanari e la voce recitante Segulia Giacomo. L’ensemble strumentale è composto dagli studenti, ex studenti e tirocinanti udinesi, attualmente attivissimi a livello concertistico, Enrico Coden (flauto), Maria Francesca Ventura, Maria Benedetti e Tania Haunzwickl (clarinetti), Serena Basandella, Federico Mansutti e Roberto del Ben (trombe), Paolo Bortolosso, Giovanni Ziraldo e Giulio Dreosto (tromboni), Anna Molaro e Nicola Siagri (violoncelli), Roberto Amadeo e Carlo De Biaggio, proveniente da Campobasso (contrabbassi), Lara Macrì e Tadeja Kralj (arpe), Giacomo Salvadori e Federico Tirelli (percussione), regia del suono del prof. Roberto Barbieri, direttore prof. Andrea Cappelleri.

La prof. Alda Caiello terrà inoltre in conservatorio un seminario dedicato alla vocalità il giorno seguente, martedì 1° aprile ad iniziare dalle 10.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!