Come sta, Lady Europe?

20 Luglio 2012

CIVIDALE. Prosegue a Cividale il viaggio di Mittelfest 2012 fra musica, balletto, prosa e poesia, lungo i sei percorsi tematici di questa 21.ma edizione. Molto densa la giornata di venerdì 20 luglio, mentre la kermesse cividalese incomincia a pensare al fine settimana quando, nel presentare gli ultimi eventi, saluterà il suo pubblico con alcuni degli spettacoli più attesi del festival come “Risvegli”, il gala internazionale di danza con protagonista la première étoile dell’Opéra di Parigi, Eleonora Abbagnato (sabato 21 luglio).

La giornata di venerdì riunisce ben quattro appuntamenti: si comincia alle 18.00 nella Chiesa di San Francesco, con il duo franco-tedesco formato Anja Lechner al violoncello e François Couturier al pianoforte impegnati in pagine di Georges Gurdjieff, Frederic Mompou, Anouar Brahem e dello stesso François Couturier per una performance basata su nuovi arrangiamenti, libere interpretazioni e improvvisazioni a dar vita a un lavoro di esplorazione di un repertorio situato musicalmente, o piuttosto musical-storicamente, all’incrocio tra Oriente e Occidente. L’affinità tra la violoncellista tedesca e il pianista francese, entrambi artisti della prestigiosa etichetta ECM, si è manifestata nel lavoro che entrambi hanno svolto all’interno del Quartetto Tarkowski, la formazione che Couturier aveva voluto creare per la forte spinta emotiva esercitata su di lui dai film del regista sovietico.

Si prosegue alle ore 20.00 a Santa Maria dei Battuti con l’attesa prima nazionale dell’installazione abitata teatral/musicale”, “Lady Europe”, coproduzione Mittelfest – Css, Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia, a cura di Rita Maffei, che indaga l’attuale stato di salute del nostro continente. Lady Europe – il personaggio – è una splendida padrona di casa, certo, ma la sua casa è un luogo quasi pubblico, dove la gente arriva per far visita, ma a volte resta, con o senza il suo permesso. E’ una signora colta, elegante e raffinata, che ama il suo passato, ma che vive nel presente e a cui piace essere nella contemporaneità. E’ una donna di mezz’età piena di contraddizioni. Ne parla con tutti, con il pubblico, con il suo maggiordomo, con chi viene a farle una visita. Fa ridere, fa pena, fa rabbia, fa invidia, fa tenerezza. Nove attori in scena (Francesca Breschi, Emanuele Carucci Viterbi, Bruno Chiaranti, Anna Chiara Giusa, Li Lei, Fatou Sylla, Tommaso Romanelli, Daniel Samba, Luigina Tusini, Bernard Yao Della e la stessa Rita Maffei) oltre a interventi musicali (curati da Chiara Piomboni), pittorici, e, più in generale, visivi (curati da Luigina Tusini). “Lady Europe” sarà replicato anche sabato 21 luglio alle ore 20.30, sempre a Santa Maria dei Battuti.

Altra prima nazionale è quella in programma alle ore 22.00 nel Chiostro di San Francesco quando potremo applaudire “Under the eyelids” nuovo lavoro di quella fucina di talenti del balletto contemporaneo croato che è la compagnia di danza di Zagabria (Zagreb Dance Company – Zagrebački Plesni Ansambl). “Under the eyelids” vede civiltà e natura provare a venire a patti per il tramite di sette danzatori, sette sogni, sette desideri, sette tentativi di distruggere la propria identità.

Chiude la giornata di venerdì (Castello Canussio, ore 22.00) a Mittelfest “Il gabinetto del dottor Caligari”, film del 1920 diretto da Robert Wiene, terzo dei quattro capolavori del cinema espressionista, legati alla temperie centroeuropea degli anni ‘20 ma trasformati radicalmente, grazie a un accompagnamento musicale contemporaneo, o a un’autentica reinterpretazione sonora. La proiezione, accompagnata dalle composizioni originali di Alessandro Cipriani, eseguite dal Gruppo Edison, è una produzione Mittelfest, in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine. Avrà luogo alle ore 22.00 al Castello Canussio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!