Che ne è del Lascito Ciceri? L’Unesco si mobilita

9 Settembre 2013

UDINE. Sul tema del Lascito Ciceri mercoledì 11 alle 12 al caffè Caucigh (via Gemona, 36 – Udine) la Presidente del Club Unesco di Udine, Renata Capria D’Aronco, terrà una conferenza stampa coadiuvata da esperti del settore. Sarà lanciata così la campagna di raccolta firme per la petizione a favore del Lascito Ciceri, raccolte firme che si protrarrà sino al 30 ottobre.

A distanza di 13 anni dalla scomparsa della Professoressa Andreina Nicoloso-Ciceri – che per via testamentaria lasciò molti dei suoi beni al Comune di Udine, tra cui l’importante collezione Ciceri che consiste in pregiati e unici arredi antichi friulani del Sei-Settecento – non si è trovata ancora adeguata ubicazione nei musei cittadini per le opere di maggior valenza culturale didattica provenienti da tale legato.

Tale mancanza contravviene alle volontà della donataria che auspicava la costituzione di “un museo del mobile friulano culto”, e al dovere di natura storica dei musei cittadini: la conservazione delle testimonianze maggiori del territorio e della civiltà a cui appartengono, perché ad essi fortemente coesi da complesse relazioni inscindibili tra loro.

Per questo motivo, si legge in una nota, il CLUB UNESCO di Udine – che tutela anche i beni culturali – ha indetto una petizione pubblica da sottoporre all’Amministrazione Comunale di Udine, allo scopo di sensibilizzare l’indifferenza collettiva e di impegnare a precise responsabilità chi di dovere.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!