Sono 18 le finaliste

29 Giugno 2012

BUTTRIO. Le 18 canzoni finaliste al Festival della canzone friulana – dieci per cento in più rispetto all’edizione precedente – sono state presentate da autori e cantautori provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia. Nell’ordine, dalla prima all’ultima classificata, passano il turno: “Strie” di Aldo Rossi; “Agrima” di Andrea De Candido dei Carnicats; “Il nestri timp” di Matteo Comar e Andrea Tomasin; “Ven ajar” di Cristina Mauro; “Timp par dismenteà” di Eliana Cargnelutti; “Sbilf” di Elsa Martin; “Musiche e jè” di Ennio Zampa e Giuliano Michelini; “Pinsir” di Ennio Zampa e Laura Furci; “Tal cil des acuiis” di Giulia Daici; “Dal balcon a ven binore” di Luigi Maieron; “Prove a dimi tu” di Luigi Maieron e Franco Giordani; “Alc che no l’è” di Maria Bertos; “Sium sence reson” di Nicoletta Lizzi e Dario Di Lorenzo; “Il cil tal mar” di Nicoletta Lizzi e Maurizio Tatalo; “Difindin il furlan” di Rocco Burtone; “Dal’uman mateà” di Serena Finatti e Andrea Varnier; “Nissun” di Stefano Fedele e “Hacker Garber” di Stefano Moratto e Mauro Punteri (Zuf de Zur). Gli interpreti di queste 18 canzoni saranno scelti durante i laboratori estivi. La giuria, che ha usato come unico metro di giudizio la qualità di testi, musica e voci, è composta dai giornalisti Nicola Cossar e Andrea Ioime, da William Cisilino, Andrea Flego e Renato Miani, docente di Composizione del Conservatorio J. Tomadini di Udine; il Festival vanta la direzione artistica del maestro Valter Sivilotti.

In attesa della serata finale che si svolgerà sabato 29 settembre 2012 al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e sarà condotta da Dario Zampa, con l’accompagnamento della FVG Mitteleuropa Orchestra e della East Cargo Band, con la direzione tecnica della Pregi di Renato Pontoni, sono in partenza due laboratori musicali anche se a parere della giuria, gli interpreti di quest’anno arrivano sul palco del teatro, già con un proprio bagaglio culturale e un’ottima preparazione vocale di base. Un primo workshop per affinare la tecnica vocale si terrà dal 13 al 15 luglio nell’Auditorium delle scuole a San Giovanni al Natisone, a cura della docente Franca Drioli che si soffermerà sulla ricerca sonora e il testo della canzone per far emergere l’identità musicale e la personalità degli artisti. Domenica 15 luglio alle 19 a Villa de Brandis è in programma un concerto finale, aperto al pubblico con brindisi finale. Per la serata del 29 settembre, ad ingresso libero, sono già aperte le prenotazioni.

Un altro aspetto fondamentale per lo spettacolo teatrale è di sicuro l’interpretazione scenica, che sarà il tema del secondo laboratorio in programma dal 14 al 16 settembre, con il docente Walter Mrmamor, che approfondirà la padronanza della scena, i movimenti, la ricerca delle luci, la pausa e l’abito di scena. Anche in questo caso, l’appuntamento con il concerto finale è per il 16 settembre alle ore 19 al Teatro Orsaria di Premariacco.

“La gestione associata dei Comuni aderenti all’Aster Noi Cultura, nel riproporre lo storico Festival della Canzone friulana, – ha detto l’assessore alla Cultura del Comune di Manzano, Antonio Tessaro – è stata particolarmente sensibile e attenta nell’offrire ai cantautori friulani un’opportunità per uscire allo scoperto. La forte partecipazione anche a questa edizione è dimostrazione di una grande spinta artistica presente nella nostra regione dove non viene percepita totalmente e spesso proprio per questo poco considerata. Inoltre, in una società sempre più multietnica e globalizzata, – ha concluso Tessaro – non vi è strumento migliore della musica, così semplice ed immediato, per affermare creativamente la propria identità”.

Novità di quest’anno sono i tre appuntamenti di anteprima sul 2° Festival della Canzone Friulana, con Festival Ator Ator, che vedranno tre Bande musicali in concerto con un repertorio di canzoni tratte dall’edizione del Festival del 2010, dove si esibiranno anche Maria Bertos, Annalisa Conte, protagoniste con Megan Stefanutti, la vincitrice della precedente edizione. Il primo appuntamento con il Corpo bandistico “N. Pastorutti” di Manzano sarà sabato 7 luglio in piazza Chiodi a Manzano alle ore 20.30; il secondo con la formazione di Corno di Rosazzo in piazza Divisione Julia a Corno di Rosazzo, domenica 22 luglio alle ore 20.30 e e l’ultimo con la Banda di S. Cecilia di Pradamano sabato 22 settembre al Parco Rubia in piazza Zardini, a Pradamano alle 20.30.

Tra i selezionati, emergono nomi di cantautori e autori già noti e non. Maurizio Tatalo presenta una canzone con il testo di Nicoletta Lizzi; Cristina Mauro, si presenta per la prima volta come autrice del testo e della musica. Ci sono poi: Ennio Zampa che collabora con due giovani promesse del festival; il più che mai dissacratore Rocco Burtone; Aldo Rossi che si presenta in una forma assolutamente inedita; Elsa Martin, giovane artista di spicco del nuovo panorama friulano (anche lei per la prima volta in veste di autrice del testo e della musica); Giulia Daici che oltre alle apprezzate proposte in italiano si cimenta con talento anche alle creazioni in lingua friulana; in finale anche una canzone dei Zuf de Zur, storico gruppo goriziano che aggiungerà un tocco balcanico alla manifestazione. Tra le scoperte del primo festival, invece, ritornano: la coppia Andrea Tomasin e Matteo Comar (zona Aquileia) che riproporranno un’altra canzone fresca e giovane; Maria Bertos di Cormons che si ripresenta in veste di cantautrice; Nicoletta Lizzi con due canzoni, una scritta con Dario Di Lorenzo come l’edizione passata e l’altra, che sarà interpretata dalla giovane cantante Chiara Di Gleria, scritta in coppia con Maurizio Tatalo; Franco Giordani che si presenta come nel 2010 con una canzone scritta a quattro mani con Gigi Maieron (che si ritrova con due testi in concorso).

Le new entry sono: una canzone dei rapper Carnicats, scritta da Dek De Chesa e cantata da Andrea De Candido; la rocker friulana Eliana Cargnelutti; il bravissimo Stefano Fedele di Manzano; la cantante Irene Dolzani con una canzone del musicista jazz Giuliano Michelini (con il testo del citato Ennio Zampa). Non mancano, infine, le chicche e quindi: Laura Furci (con testo di Ennio Zampa) musicista friulana residente a Berlino, che si esibisce da tempo negli States e in Spagna; Serena Finatti, con l’insostituibile Andrea Varnier alla chitarra, fresca di importanti riconoscimenti e tournée in Europa.

Alla conferenza stampa erano presenti: il cantante Dario Zampa, l’assessore regionale alle politiche giovanili Roberto Molinaro, il vicepresidente della Provincia Daniele Macorig, l’assessore alla cultura del Comune di Buttrio Barbara Potocco, oltre che l’assessore di Manzano Tessaro, il direttore tecnico Renato Pontoni e il direttore artistico Valter Sivilotti.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!