Bambini e bilinguismo

20 Settembre 2014

TAVAGNACCO. Uno dei regali più belli che i genitori possano fare ai loro figli è crescerli nel bilinguismo. A dimostrarlo sono innumerevoli studi scientifici, ma a volte applicare la teoria nella vita pratica può essere difficile. Ecco perché martedì 23 settembre alle 18 nel centro civico di Tavagnacco (via della Madonnina) si svolgerà l’incontro conclusivo del ciclo “Cresciamoli bene, i primi passi con i nostri bambini” dedicato proprio al tema del plurilinguismo. Nel corso dell’appuntamento intitolato “Bambini plurilingue, con una marcia in più” verranno distrutti molti falsi miti sul bilinguismo e verranno dati consigli pratici su come promuovere il bilinguismo in famiglia (il principio una lingua una persona) e sarà data risposta alle domande più comuni, tenendo come base di riferimento il libro “Crescere con più lingue”, nato dalla volontà dell’Arlef – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dall’Azienda per i Servizi Sanitari n. 5 Bassa Friulana.

All’incontro, moderato dalla caporedattrice della Vita Cattolica, Erika Adami, parteciperanno il Presidente dell’Arlef Lorenzo Fabbro, il suo direttore William Cisilino, l’esperta di plurilinguismo Silvana Schiavi Fachin, il vice presidente del consiglio regionale Igor Gabrovec e capogruppo del Pd Cristiano Shaurli.

“Quello del bilinguismo è ancora un tema non accettato completamente – ricorda l’Assessore alle Politiche per l’Infanzia, Erica Beltrame – eppure i vantaggi sono riconosciuti ormai da tutti gli studi scientifici sull’argomento. Inoltre in Friuli l’opportunità di crescere bi- plurilingue è data a tutti ed è la strada da percorrere anche per conservare le radici, indissolubilmente legate alla lingua madre che in molte famiglie è il friulano. Analogamente l’invito anche ai genitori arrivati da altri Paesi è che possano continuare a parlare con i loro figli nella loro lingua del cuore”.

Tutto questo perché, ha ricordato Antonella Sorace nella prefazione del libro “L’esperienza di gestire due lingue fin dall’infanzia si riflette in una serie di effetti positivi, sia in ambiti linguistici che non linguistici. Un altro beneficio del biliguismo, infine, è una maggior consapevolezza che altre persone possono vedere le cose da una prospettiva diversa dalla propria”.

———————

Un dai regâi plui biei che i gjenitôrs a puedin fâ ai lôr fîs al è chel di tirâju sù tal bilinguisim. A poiâ cheste idee a son une vore di studis sientifics, ma cualchi volte meti in vore la teorie inte vite pratiche al pues risultâ dificil. Ve chi alore sclarît il parcè che martars ai 23 di Setembar aes 6 sore sere li dal centri civic di Tavagnà (in vie de Madonute) si tignarà l’incuintri conclusîf dal cicli “Tirìnju sù ben, i prins pas cui nestris frutins” dedicât propri al teme dal plurilinguisim. Vie pal incuintri dal titul “Fruts plurilengâi, cuntune marcje in plui” a vignaran parâts jù un grum di mîts fals sul bilinguisim e a vignaran dât conseis pratics su cemût promovi il bilinguisim dentri de famee (il principi une lenghe une persone) e a cjataran rispueste lis domandis plui ordenaris, tignint tant che riferiment di fonde il libri “Crescere con più lingue”, nassût de volontât de Arlef – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane – e de Aziende pai Servizis Sanitari n. 5 Basse Furlane.

In chest incuintri, moderât de cjâf redatore de Vite Catoliche, Erika Adami, a fevelaran il President de Arlef Lorenzo Fabbro, il so diretôr William Cisilino, la esperte di plurilinguisim Silvana Schiavi Fachin, il vice president dal consei regjonâl Igor Gabrovec e il cjâf grup dal Pd Cristiano Shaurli.

“Chel dal bilinguisim al è ancjemò un teme dificil di acetâ dal dut – e ricuarde l’Assessore aes Politichis pe Infanzie, Erica Beltrame – si ben che i vantaçs a son ricognossûts aromai di ducj i studis sientifics fats sul argoment. Cun di plui che in Friûl la pussibilitât di cressi bi plurilengâl e je dade a ducj e e je la strade di fâ ancje par mantignî lis lidrîs, leadis a strent ae marilenghe che in tantis fameis al è il furlan. Compagn, l’invît pai gjenitôrs che a rivin ancje di altris Paîs al è chel di lâ indevant a fevelâ cui lôr fîs la lôr lenghe dal cûr”.

Dut chest parcè che, come che e a scrit Antonella Sorace inte prefazion dal libri “La esperience di vê a ce fâ cun dôs lenghis tacant de infanzie e puarte a une schirie di efiets positîfs, sedi in ambit linguistic che in altris. Un altri benefici dal bilinguisim, infin, al è chel di fâ disvilupâ une cussience plui grande che altris personis a puedin viodi lis robis intune prospetive diferente de proprie”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!