Attesa a Trieste Next per il premio Nobel Edvard Moser

26 Settembre 2015
Edvard Moser

Edvard Moser

TRIESTE. Attesa a TRIESTE NEXT, il Salone Europeo della Ricerca Scientifica, per l’arrivo del premio Nobel per la Medicina 2014 Edvard I. Moser, domani, domenica 27 settembre, a chiusura di questa quarta edizione del festival dedicato al “Futuro della Vita”. Centinaia di appuntamenti, promossi da Comune di Trieste, Università di Trieste e VeneziePost con la copromozione di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trieste, AREA Science Park, SISSA Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, che hanno visto protagonisti più di 150 relatori nazionali e internazionali per un totale di cento incontri.

A suggellare l’edizione 2015 di Trieste Next il Premio Nobel per la Medicina, Edvard I. Moser che illustrerà, per la prima volta in Italia, lo studio rivoluzionario sulle cellule cerebrali che ci consentono di orientarci (ore 18 sede Regione – Sala Rappresentanza, evento a cura di Università di Trieste e Sissa). Come facciamo a sapere dove siamo, come possiamo trovare il modo di andare da un posto all’altro? E come possiamo memorizzare queste informazioni in modo da ritrovare lo stesso percorso? Il Premio Nobel spiegherà come sia una “rete” di cellule nervose che consente al cervello di avere costantemente le coordinate spaziali del luogo in cui si trova, quello che è stato definito il “Gps biologico”, una mappa che consente di muoverci in un ambiente complesso.

Edoardo Boncinelli

Edoardo Boncinelli

Non mancheranno altri ospiti illustri che dialogheranno con il pubblico del festival, tra i “big” di questa giornata il noto genetista Edoardo Boncinelli apprezzato scienziato e divulgatore. Si parlerà di pratica scientifica e del complesso di attività che chiamiamo scienza, ben raccontate nel suo ultimo libro “I sette ingredienti della scienza” che dialogherà con Enrico Tongiorgi delegato per la divulgazione scientifica, docente di Neurobiologia dell’Università di Trieste (ore 15.30 Regione Friuli Venezia Giulia – Cortile interno).

Vittorino Andreoli

Vittorino Andreoli

Sempre alle 15.30 Vittorino Andreoli, autorevole psichiatra e autore di numerosi saggi, esperto dei meccanismi del cervello, sarà protagonista dell’ultimo appuntamento “Solgar Incontra”: in conversazione con Piero Biancucci scrittore e giornalista scientifico, racconterà della Scienza del benessere (ore 15.30 Ridotto del Teatro Verdi). Il Ben d’essere rappresenta uno stato a cui l’essere umano anela da sempre e che può essere raggiunto cogliendo quei segnali della mente prima che si trasformino in veri e propri disturbi.

Siamo quello che mangiamo? Gli esperti le definiscono “la medicina del futuro”, l’arma migliore che avranno a disposizione i nostri eredi per vivere da centenari. A spiegare le future frontiere del cibo con i menù su misura di Dna Lidia Larizza, direttore Laboratorio di Citogenetica e Genetica Medica, Istituto Auxologico Italiano e Lucilla Titta, coordinatore programma Smartfood IEO-Istituto Europeo di Oncologia di Milano, conduce Eliana Liotta, giornalista e blogger Io donna – Corriere della Sera (ore 10:30 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Cortile Interno.)

Sport, emozioni e cervello saranno al centro della presentazione del progetto biennale che coinvolge ragazzi e operatori dei ricreatori di Trieste dedicato al valore della pratica fisica che influisce non solo sulle prestazioni del cervello ma contribuisce a gestire meglio le emozioni (ore 10 Sala Matrimoni – Piazza Unità). Ne parleranno i rappresentanti degli enti coinvolti, Stefano Canali, ricercatore SISSA-Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, Nicola Delli Quadri, commissario straordinario AAS n. 1 Triestina, Andrea Di Lenarda, Centro Cardio Vascolare AAS n.1 Triestina, Antonella Grim, assessore Educazione, scuola, università e ricerca Comune di Trieste, Fredi Luchesi, presidente Onlus Le Buone Pratiche, Renato Milazzi, delegato CONI FVG Trieste, modera Antonella Brecel, Comune di Trieste.

Di rianimazione cardiopolmonare si discuterà nell’incontro con Gianfranco Sinagra docente di Cardiologia, Università di Trieste; direttore SC Cardiologia, Ospedale di Cattinara di Trieste, Thomas Pellis, anestesista rianimatore, Azienda Ospedaliera di Pordenone, Serena Rakar, cardiologa, Azienda Ospedaliero Universitaria “Ospedali Riuniti” di Trieste. Il 70% degli arresti cardiaci si verifica nei contesti familiari o di lavoro, solo il 30% viene rianimato, ciò contribuisce a una sopravvivenza inferiore al 20%. Bisogna educare le comunità, a partire dall’adolescenza e dalle scuole, al riconoscimento e trattamento dell’arresto cardiaco. (ore 10.30 – Area Talk piazza Unità a cura di Università di Trieste).

Le proprietà dei funghi sono sempre più evidenti e supportate da studi e ricerche cliniche a raccontarne il valore per la cura di affezioni metaboliche e immunitarie comprese anche le allergie Ivo Bianchi, medico chirurgo specializzato in Medicina interna, esperto di Medicina integrativa (ore 10.30 Regione Friuli Venezia Giulia – Cortile interno, a cura di Solgar Italia Multinutrient).

In un futuro non molto lontano potrebbero esserci degli umanoidi in ogni casa per assistere persone anziane, portare i figli a scuola, prepararci il caffè. Umani e umanoidi. Vivere con i robot è il libro di Roberto Cingolani e Giorgio Metta che sarà presentato alle 12 (Area Talk-piazza Unità) con tema dell’incontro con Giorgio Metta, direttore iCub Facility Istituto Italiano di Tecnologia Emanuele Menegatti, docente di Computer Architecture, Università di Padova, modera Massimo Sideri, giornalista e commentatore Corriere della Sera.

Farmaci su misura: personalizzare le cure per il bene di tutti. Sarà questo il futuro dei farmaci nell’era della genetica? A parlarne Gabriele Stocco, ricercatore di Farmacologia dell’Università di Trieste, Andrea Biondi, docente di Pediatria, Università di Milano Bicocca, Armando Genazzani, docente di Farmacologia, Università del Piemonte Orientale, Andrea Taddio, ricercatore di Pediatria, Università di Trieste, modera Cristina Serra, giornalista scientifica (ore 12 Regione Friuli Venezia Giulia – Cortile interno).

Alla scoperta delle biomolecole per allungare la vita. Alfredo De Biasio, ricercatore presso Elettra Sincrotrone Trieste, grazie anche a CERIC-ERIC e alla sua offerta di tecniche e strumenti integrati e complementari, ha determinato la struttura del complesso proteico PCNA-PAF15, importante nella replicazione del DNA. Lo racconterà nel suo intervento con Ornela De Giacomo, vicedirettrice CERIC-ERIC (ore 15.30 Area Talk – piazza Unità a cura di Elettra Sincrotrone Trieste e CERIC-ERIC).

Astrobiologia: la ricerca della vita nell’universo. Con la scoperta di pianeti in orbita attorno ad altre stelle, sempre più numerosi, l’interesse per la possibile esistenza di vita al di fuori dalla Terra, ed anche del Sistema Solare, è aumentato enormemente. Se ne parlerà con Giuseppe Murante, ricercatore INAF Osservatorio Astronomico di Trieste (ore 17 Area Talk – piazza Unità cura di INAF-OATs).

Come cambia la lotta ai tumori: dalla prevenzione alla target therapy sarà al centro dell’appuntamento con Matteo Biasotto, docente di Odontostomatologia, Università di Trieste e Vanessa Nicolin, ricercatrice di Istologia, Università di Trieste, modera Cristina Serra, giornalista scientifica (ore 17 Caffè Tommaseo a cura di Università di Trieste).

Ultimo giorno anche per assistere nel villaggio di piazza Unità a laboratori, dimostrazioni ed esperimenti per toccare con mano il mondo della ricerca scientifica. Mentre nel giardino pubblico di via san Michele è in programma un laboratorio sul cibo biologico (ore11-12) e al pomeriggio, alle 16, una tavola rotonda sulla “Qualità della vita”, auto e mutuo aiuto per riscattare il tempo organizzata dall’associazione AnDanDes.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!