Anche jazzisti friulani nei concerti per L’Aquila

5 Settembre 2015

StampaCi sarà anche una nutrita compagine di musicisti e organizzatori di festival friulani domenica 6 settembre alla maratona di concerti jazz organizzata in segno di solidarietà a L’Aquila. “Il jazz italiano per L’Aquila” vedrà scendere in piazza per un giorno, a titolo gratuito, ben cinquecento musicisti, che daranno vita a cento concerti dislocati in venti postazioni sparse per il centro storico della città, per 12 ore ininterrotte. Tra questi in rappresentanza del Friuli Venezia Giulia, regione che i terremoti li ha provati sulla propria pelle, ci saranno i musicisti Daniele D’Agaro, Francesco Bearzatti, Bruno Cesselli, Luca Colussi, Alessandro Turchet, Mirko Cisilino, Filippo Orefice e Paola Martini, presidente del Circolo Culturale Controtempo che organizza festival come Jazz&Wine of Peace, in calendario dal 18 al 25 ottobre prossimi, e di rassegne come Il Volo del Jazz, che inizierà il 20 ottobre prossimo con l’anteprima affidata a Dianne Reeves al Teatro Verdi di Pordenone.

Anche il Friuli Venezia Giulia contribuirà dunque a dar vita a quella che il ministro dei Beni culturali e del turismo Dario Franceschini ha ribattezzato “una Woodstock del Jazz” e che vede in prima linea come direttore artistico il noto trombettista sardo Paolo Fresu. In calendario ci sono tre concerti affidati a musicisti friulani: alle 15, al Ponte della Fortezza Spagnola, si esibiranno Francesco Bearzatti e Martux_m crew; alle 16, all’Auditorium del Parco, i 5est (Bruno Cesselli al pianoforte, Mirko Cisilino alla tromba, Filippo Orefice al sax tenore, Alessandro Turchet al contrabbasso e Luca Colussi alla batteria), e infine alle 18 al Convento S. Chiara (Via Borgo Rivera), il duo composto da Daniele D’Agaro al sax tenore e Luigi Vitale al vibrafono. A Paola Martini spetterà invece la direzione di una delle venti postazioni destinate ai concerti. “Siamo orgogliosi della compagine di musicisti che scenderà a L’Aquila in rappresentanza del nostro territorio – commenta Paola Martini, che è anche membro del direttivo dell’associazione nazionale I-Jazz, che su questa manifestazione ha voluto investire molto tempo ed energie –: quella friulana a L’Aquila è una presenza significativa per una regione di piccole dimensioni come la nostra, a conferma che il jazz friulano è sempre attivo e solidale, attento a ciò che succede anche nel resto d’Italia”.

L’evento si potrà seguire sui canali di Rai Radio1, Rai Radio2, Rai Radio3, che seguiranno la manifestazione con servizi, approfondimenti e interviste. Una vera maratona radiofonica in diretta che toccherà i luoghi più simbolici del capoluogo abruzzese dalle 10 del mattino fino a notte fonda. In televisione sarà Rai 5, con la trasmissione “Ghiaccio Bollente”, a riprendere il meglio della giornata e l’intero concerto serale, realizzando uno speciale di 100 minuti in onda in prima serata il 26 settembre.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!