Ai Barabàn il compito di aprire Folkest a Rauscedo

30 Giugno 2015

barabanRAUSCEDO. Giovedì 2 Luglio alle 21 a Rauscedo, nel Comune di San Giorgio della Richinvelda, al Giardino Crovato si esibiranno i Barabàn, gruppo fra i più rappresentativi della scena folk italiana, apprezzato in Europa e America, che darà il via ufficiale alle 37esima edizione di Folkest, il Festival che racconta le musiche del mondo. Fondato a Milano nel 1982 da Vincenzo Caglioti, Aurelio Citelli, Giuliano Grasso e Guido Montaldo – fra i più attivi ricercatori e musicisti italiani – i Barabàn mescolano melodie, lingue, ritmi e sonorità dell’Italia settentrionale, strumenti popolari e contemporanei, polifonie della pianura Padana, musiche legate all’emigrazione italiana nelle Americhe, liriche contemporanee, canti arcaici dell’Appennino, musiche swing e dal sapore yiddish in un’originale sintesi musicale tra modelli della tradizione e gusto contemporaneo. Nel 1995 Barabàn ha partecipato al progetto “Canti randagi, Canzoni di Fabrizio De André” riproponendo Canzone del maggio.

La cornice del concerto che, come tutti gli appuntamenti di Folkest è resa possibile dal contributo e dalla collaborazione di Regione, Fondazione CRUP e FriulPromo, è quella di Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda, il Comune che ha voluto e che promuove questo concerto: qui, nel lontano 6 giugno 1350, nei prati prima di Rauscedo, i congiurati attesero il Patriarca di Aquileia Bertrando e lo assasinarono; nel luogo stesso in cui egli spirò fu eretto un cippo commemorativo, visibile a poca distanza dalla chiesetta di S. Nicolò. Oggi Rauscedo è universalmente nota come capitale mondiale dell’innovazione in agricoltura, in virtù dei sistemi di riproduzione delle barbatelle innestate al tavolo e non sul campo, una novità che dagli anni Venti in poi è diventata via via il volano della fortuna economica del paese.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!