A Pordenone si parlerà delle onde gravitazionali

24 Febbraio 2016

PORDENONE. Imparare Sperimentando ospita l’intervento dal vivo in teleconferenza di Federico Ferrini, direttore dell’Osservatorio Europeo delle Onde Gravitazionali (EGO). Di EGO fa parte l’interferometro VIRGO i cui ricercatori (a Casina provincia di Pisa) hanno di recente confermato dopo mesi di studi che le variazioni percepite negli Stati Uniti da LIGO lo scorso dicembre sono realmente onde gravitazionali. Un annuncio che risale a pochi giorni fa che fa riferimento a quella che viene considerata la scoperta scientifica del secolo. Ferrini parlerà di “Le onde gravitazionali: una nuova finestra sull’universo” in collegamento con alcune classi di studenti delle scuole secondarie superiori di Pordenone. Prima del collegamento – alle 11 all’ex Convento di San Francesco – gli studenti visiteranno la mostra di esperimenti scientifici nell’ambito della decima edizione di Imparare Sperimentando, iniziativa organizzata da Isidoro Sciarratta referente della sezione pordenonese dell’Associazione Italiana di Fisica.

Esperimento centrale in questa decima edizione, è proprio uno degli specchi utilizzati all’interno di VIRGO, per la prima volta uscito dai tunnel dell’interferometro di Pisa, dopo la sua sostituzione qualche mese fa con un medesimo dispositivo che consente di implementare una versione potenziata e avanzata (Advanced Virgo). Su questi specchi molto pesanti si riflettono i fasci laser che corrono avanti e indietro all’interno di giganteschi tubi a vuoto lunghi 3 km. Lo scopo è rivelare le impercettibili vibrazioni dello spazio-tempo dovute alle onde gravitazionali, previste dalla Relatività Generale di Einstein, ma mai captate da nessuno finora. EGO è l’osservatorio costituito da Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS).

La mostra sarà visitabile fino al 28 febbraio, a ingresso gratuito, dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30, i martedì e venerdì dalle 16 alle 18, i sabato dalle 15 alle 18 e le domeniche dalle 15 alle 19. Si tratta di un appuntamento che mira a rendere semplici e chiare le ricerche scientifiche più avanzate, con uno sguardo a un futuro fantascientifico molto più vicino di quanto si possa immaginare. E’ organizzata dall’Aif di Pordenone, con il contributo di Regione Fvg, Provincia e Comune di Pordenone, Fondazione Crup, con il supporto di Consorzio Universitario di Pordenone, Noxorsokem, Fratelli Martin, sponsor tecnici Sme, Jps Tech, 4 Frame.

Condividi questo articolo!