A Villa Martinengo la musica di Nino Rota (Felliniana 100)

14 Febbraio 2020

MANZANO. Il festival Enoarmonie spalanca le porte di villa Martinengo, splendido complesso padronale che svetta nel borgo di Soleschiano e che è possibile visitare solo in rare occasioni. Una l’ha creata, appunto, la rassegna itinerante curata dall’Associazione Musicale Sergio Gaggia di Cividale e dedicata all’insolito e intrigante abbinamento fra musica e vino: domenica 16 febbraio, alle 18, l’evento farà infatti tappa proprio a villa Martinengo, location perfetta per un programma di sala particolarmente accattivante, ispirato al centenario della nascita di Federico Fellini e interamente dedicato a Nino Rota. Il celebre regista era infatti affascinato dall’«atmosfera magica» che emanava Rota, tant’è che fra i due ci fu da subito un’intesa eccezionale.

Nell’ora di spettacolo si susseguiranno dunque le emozioni – sonore e visive – di film che hanno segnato la storia cinematografica del Novecento, da La Strada ad Amarcord, I Vitelloni, Le notti di Cabiria, I clown, La dolce vita, Giulietta degli spiriti, 8 e ½: la musica, arrangiata appositamente per l’occasione, sarà accompagnata dalla proiezione di indimenticabili sequenze, in un emozionante montaggio cinematografico realizzato da Alba Film Festival.

Protagonisti di “Felliniana 100” il flautista Giuseppe Nova, con le sue sonorità raffinate e graffianti, e gli Archimedi, alias il violinista Andrea Bertino, Luca Panicciari al violoncello, e Giorgio Boffa al contrabbasso. Il ruolo di enorelatore spetterà a Ico Turra: a lui il compito di individuare e delineare per il pubblico le sinestesie con eccellenti vini delle Langhe, della cantina San Silvestro di Novello, in provincia di Cuneo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!