A Gradisca parte Innesti

13 Settembre 2022

Mi abbatto e sono felice (Foto Alfabeto)

GRADISCA. Conto alla rovescia per l’avvio del 15 settembre della nuova rassegna ‘Innesti – Connessioni teatrali affatto prevedibili’ che sarà ospitata alla Sala Bergamas di Gradisca d’Isonzo (inizio rappresentazioni alle 21, domenica alle 17). A inaugurare la nuova programmazione promossa da ArtistiAssociati – Centro di Produzione Teatrale, in scena dal 15 al 18 settembre, sarà l’originalissimo ‘Mi abbatto e sono felice’, di e con Daniele Ronco per la regia di Marco Cavicchioli.

Il monologo eco-sostenibile di Daniele Ronco (ispirandosi a ‘La decrescita felice’ di Maurizio Pallante) è una performance a impatto ambientale “0”, autoironica, dissacrante, che vuole far riflettere su come si possa essere felici abbattendo l’impatto che ognuno di noi ha nei confronti del Pianeta. “Mi abbatto e sono felice – spiega Ronco – non utilizza energia elettrica in maniera tradizionale. Si autoalimenta, grazie allo sforzo fisico prodotto dall’attore in scena. Non sono presenti altri elementi scenici, i costumi sono essenziali e recuperati dal guardaroba di nonno Michele. Le musiche sono live. L’idea di mettere in scena Mi abbatto e sono felice nasce dalla riflessione che mi ha accompagnato nei mesi successivi alla morte di mio nonno, una persona che mi ha insegnato tanto e che stimo infinitamente per la condotta di vita esemplare perseguita durante i 91 anni trascorsi su questo pianeta“.

Per l’occasione, in collaborazione con il Comune di Turriaco e l’associazione Bisiachinbici, allo spettacolo domenica 18 parteciperà un gruppo di spettatori provenienti dalla Bisiacheria in bicicletta.

La rassegna proseguirà il 24 e 25 settembre con ‘Bellanda Suite’, una due giorni in cui ci si avvicinerà alla danza fisica, vigorosa e di ricerca nei vari modi possibili; dal 28 al 30 settembre sarà la volta dello Spettacolo vincitore MittelYoung 2021 di e con Klaus Martini ‘PPP ti presento l’Albania’, mentre dal 6 al 9 ottobre Elisa Menon proporrà ‘Senza fine’ una performance immersiva site specific sul tema del cambiamento, del tempo che passa e della fine, che riflette sul bisogno di vicinanza e di tenerezza.

Le prevendite dei biglietti saranno aperte un’ora prima di ogni rappresentazione in Sala Bergamas e alla biglietteria del Nuovo Teatro Comunale di Gradisca d’Isonzo (via Ciotti 1) in concomitanza con la campagna abbonamenti della stagione 2022/2023.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!