A chiudere Dedica n. 27 arrivano i Radio Zastava

22 Ottobre 2021

Radio Zastava

PORDENONE. È la musica, da sempre, la protagonista dell’evento con il quale il festival si congeda dal suo pubblico, dopo otto giorni intensi in cui l’opera del protagonista di questa 27^ edizione è stata declinata nelle varie espressioni artistiche, dal teatro alle mostre, dai libri al cinema, originale formula che consente una vera immersione nel mondo dell’autore protagonista, attorno al quale ogni edizione costruisce uno specifico itinerario, cosicché dal fulcro della sua produzione letteraria si possa spaziare sul pensiero, sui contesti culturali, sulle varie forme artistiche che i più diversi mezzi espressivi sanno far emergere dalla sua opera.

Per tradizione il festival si congeda sempre dal suo pubblico con un concerto che vuole avere anche il sapore della festa e dunque domani, sabato 23 ottobre, alle 20.45, in Sala Capitol su Dedica per Paolo Rumiz calerà il sipario con i Radio Zastava, formazione unica nel variegato panorama delle band europee di derivazione balcanica, fra le poche in grado di coniugare la rigorosa conoscenza dei più intricati ritmi, armonie e melodie dell’Est Europa con una diversità di background musicali che spaziano dal rock al punk, dallo swing alla libera improvvisazione, dal reggae alle più disparate pulsioni elettroniche.

Attivi dal 2005 e nati nella multiculturale Gorizia, nel corso della loro attività hanno tenuto concerti in tutta Europa, collaborato con artisti internazionali quali Emir Kusturica e Goran Bregovic, e inciso diversi album. La loro musica è stata scelta per diversi film come la commedia italiana Easy di Andrea Magnani e il visionario colossal marocchino Catharsys or the Afina tales of the lost world di Yassine Morroccu grazie a cui hanno vinto il premio per la migliore musica originale al Tangeri Film Festival. Il loro ultimo lavoro discografico è del 2019 e si intitola Insetti. Il concerto è organizzato con il sostegno particolare di Bcc Pordenonese e Monsile, in collaborazione con Sexto associazione culturale e Circolo Controtempo, con la partecipazione di Medici Senza Frontiere.

Info 0434 26236, le sere di spettacolo 366 9505094.

Condividi questo articolo!