Sempre avanti, con giudizio!

11 Giugno 2013

TORINO. Dopo 12 tappe e oltre 4.500 km, i torinesi Gian Maria Aghem e Piergiovanni Fiorio-Trono (unici italiani alla quinta Pechino-Parigi) continuano con regolarità la loro gara che si è snodata tra Cina, Mongolia e Russia. Le tappe in Mongolia sono state durissime e hanno messo in difficoltà numerosi concorrenti, che si sono caricati di penalità e continuano la gara con il solo scopo di raggiungere la Ville Lumiére. I nostri piloti a bordo della piccola Lancia Fulvia Coupè 1300, stanno conducendo una gara giudiziosa che ha loro permesso di salvaguardare la vettura, pur ottenendo una buona classifica. Sono attualmente al nono posto nel gruppo e sono sesti della loro classe 3.

Il Gruppo comprende le vetture costruite prima del 1975, la Classe 3 raggruppa le vetture con cilindrata sotto i due litri e i nostri sono ben al disotto dei 2000 cc: infatti con il loro motorino 1300 sono la vettura con la minor cilindrata. La Fulvia a dire di Aghem si comporta molto bene e il solo guaio è stata una foratura nella nona tappa. Dopo la giornata di riposo a Novosibirsk davanti ai due torinesi ci sono ancora circa 7.700 km. e 17 tappe, con due giorni di riposo a Samara in Russia e Kiev Capitale dell’Ucraina.

L’arrivo a Parigi è fissato per il 29 giugno. Nella parte finale della gara chi volesse assistere allo spettacolo di queste magnifiche vetture, le potrà ammirare da Davos a Gstaad il 27 giugno da Gstaad a Troyes il 28 e a Parigi il giorno successivo.

Sia Aghem che Fiorio Trono sono piloti di lungo corso, che hanno gareggiato un po’ dappertutto, ma per entrambi quest’esperienza, come traspare dalle loro parole, è unica, non solo per le difficoltà insite nella gara, per i disagi – diverse notti hanno dormito sotto le tende con temperature non proprio confortevoli – ma per lo spirito dei concorrenti che a bordo di vetture incredibili, affrontano strade che noi faremmo fatica a percorrere con auto moderne, cercando di rimediare di volta in volta ai guai che sopravvengono. Il tutto condito da cordialità, amicizia e fratellanza, quasi non fosse una corsa. I due torinesi portano in gara i colori dell’ASI, del Veteran Car Club di Torino e dell’ACI di Torino.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!