Motore a scoppio Bernardi 1882. Visita guidata al Nicolis

20 Febbraio 2019

Motrice Pia (Foto Angelo Rosa)

VERONA. Il 21 febbraio 2019 ricorre il centesimo anniversario della scomparsa di Enrico Bernardi, nato a Quinzano (VR) il 20 maggio 1841. Il Museo Nicolis celebra il genio dell’ingegnere di Verona con una visita guidata gratuita sabato 23 febbraio alle 15. Grazie a Bernardi, l’Italia può vantare un importante primato in campo motoristico: il 5 agosto 1882 sperimentò con la Motrice Pia, il primo motore a scoppio funzionante a benzina, quasi contemporaneamente a Karl Benz (brevetto del 25 ottobre 1882) e a Gottlieb Daimler (brevetto del 16 dicembre 1883).

Luciano Nicolis (fondatore dell’omonimo museo), nel mostrare con orgoglio il cimelio custodito nella sua collezione, raccontava: “Secondo quanto ho appreso, questo è il primo motore a scoppio di benzina realizzato nel 1882 da Enrico Bernardi di Quinzano e montato su questo triciclo giocattolo per la figlia nel 1884. E’ incredibile l’ingegnosità di quest’uomo che realizza un motore a benzina così piccolo”. E’ difficile stabilire chi nel mondo fu il primo inventore dell’automobile, ma si può affermare che Enrico Bernardi diede un significativo impulso all’applicazione concreta del motore a benzina.

Enrico Bernardi con la moglie Amalia (1911)

In questa occasione al Nicolis, in un’area tematica dedicata all’ingegnere di Quinzano, anche professore emerito dell’Università di Padova, vengono proposte in esclusiva le sue geniali invenzioni, con una delle tante iniziative culturali intraprese dal Museo e destinate al grande pubblico di affezionati appassionati di arte e scienza. La visita guidata al Nicolis, che si sviluppa in una vera e propria passeggiata fra Ottocento e Novecento, prende spunto da questa pietra miliare dell’automobile: dal primo motore a scoppio alla prima auto elettrica, la Baker, Rauch & Lang “Double Drive Coach” del 1919. Dalla prima Ferrari a quattro posti, la Ferrari “250 GT 2+2” del 1963 al primo volante F1 di David Coulthard nell’esordio del 1994 alla guida della Williams FW16. E ancora, dalla prima idea di bicicletta, la Draisina del 1817, pezzo unico realizzato in legno ancora privo di pedali, al primo esempio di scooter con l’ABC “Skootamota” del 1919. Altri curiosi ed esclusivi pezzi di straordinaria bellezza saranno proposti nell’occasione, destinati a stupire e a sorprendere i selezionati visitatori di questa iniziativa dedicata alle invenzioni di Enrico Bernardi e alle collezioni del Museo Nicolis.

Queste le informazioni per iscriversi: visita guidata gratuita a numero chiuso (max 50 persone), ticket d’ingresso a prezzo ridotto (euro 10) e gratuito per i bambini fino a 16 anni. Per le prenotazioni chiamare 045 6303289 oppure via mail a info@museonicolis.com

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!