Le ordinanze “anticamper” revocate a Lignano

10 Aprile 2015

LIGNANO. Grazie all’intervento dell’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Comune di Lignano Sabbiadoro ha revocato le ordinanze n. 31/2012 e n. 152/2004 con le quali si limitava la circolazione delle autocaravan in molte zone del territorio comunale disponendo la rimozione dei divieti di sosta. In una nota l’Associazione illustra l’iter per la corretta applicazione delle norme in materia di circolazione delle autocaravan nel Comune di Lignano Sabbiadoro.

18 ottobre 2013 – L’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti chiede al Comune di Lignano Sabbiadoro di modificare l’ordinanza n. 31 del 5 settembre 2012 eliminando il divieto di sosta alle autocaravan e caravan con conseguente rimozione della segnaletica.
Si chiede altresì la trasmissione dei provvedimenti istitutivi dei divieti di sosta alle autocaravan in via XXV Aprile e in Raggio del Bisato.

27 gennaio 2014 – L’ Ancc chiede al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di valutare la legittimità del divieto di sosta alle autocaravan istituito con ordinanza del sindaco n. 31/2012 e della segnaletica di divieto di sosta alle autocaravan in via XXV Aprile e in Raggio del Bisato per la quale l’amministrazione comunale non ha fornito il provvedimento istitutivo.

12 giugno 2014 – L’Ancc chiede al Comune di trasmettere il provvedimento istitutivo del divieto di sosta alle autocaravan nel lungomare Alberto Kechler.

27 agosto 2014 – Il Comune trasmette l’ordinanza n. 152/2004 istitutiva del “divieto di sosta permanente a tutti i veicoli attrezzati permanentemente per essere adibiti al trasporto e all’alloggio di persone” su molte strade del territorio comunale.

3 ottobre 2014 – Con nota prot. 4679 del 3 ottobre 2014, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha invitato il Comune a revocare l’ordinanza n. 31/2012 ritenendola illegittima.

3 novembre 2014 – L’Ancc chiede al Comune di trasmettere il provvedimento di revoca dell’ordinanza n. 31/2012 come da invito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

3 novembre 2014 – L’Ancc chiede al Comune di revocare l’ordinanza n. 152/2004 poiché illegittima.

13 marzo 2015 – Con ordinanza n. 30 del 13 marzo 2015, il Comune ha revocato le ordinanze n. 31/2012 e n. 152/2004. Nel provvedimento si fa riferimento a due ulteriori ordinanze n. 128/2011 e n. 130/2011 istitutive del divieto di sosta alle autocaravan in alcune strade del territorio comunale le quali sarebbero ormai prive di efficacia temporale.

8 aprile 2015 – L’Ancc per il tramite dell’Avv. Assunta Brunetti chiede al Comune di comunicare la rimozione dei segnali di divieto interessati dalla revoca disposta con ordinanza n. 30/2015 e di provvedere alla loro copertura in attesa della rimozione.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!