Golf: ci sorpassa da 40 anni!

8 Dicembre 2014

Der neue Volkswagen Golf

Der neue Volkswagen Golf

Der neue Volkswagen Golf

Der neue Volkswagen Golf

Der neue Volkswagen Golf

Der neue Volkswagen Golf

Der neue Volkswagen GolfVERONA. Golf Parade è stata intitolata la celebrazione di quella che sicuramente è per la Volkswagen un’icona, da ben 40 anni in passerella sul palcoscenico del mercato automobilistico mondiale. E’ un’icona anche nei libri di storia automobilistica e quindi merita rispetto e considerazione. E, personalmente, si merita anche un po’ della nostra invidia perché, cari signori, SONO 40 ANNI CHE LE GOLF CI SORPASSANO! Un momento prima ce l’hai nello specchietto, un attimo dopo gli stai guardando la coda. Succedeva ogni tanto già con quelle del ’74, poi sempre più spesso. Forse dovremo comperare una Golf…

I numeri globali della vettura più impaziente che si conosca fanno impallidire qualsiasi concorrente: più di 30 milioni vendute nel mondo, di cui 2,4 solo in Italia nel corso di 7 generazioni. Quelli che sono i motivi – secondo il costruttore – di un successo planetario sono stati illustrati a Verona, nella sede italiana del gruppo. Sicurezza, allestimento/abitabilità, qualità dei materiali, valore residuo e guidabilità: sono questi i “segreti del successo” che sono stati citati. In 40 anni il mondo è cambiato, eccome! I gusti in fatto di auto pure. Ma non si può negare che le doti della Golf, nelle sue molte reincarnazioni, pur con alti e bassi sono sempre stati percepiti come caratteri irrinunciabili. Insomma, se cambiava la forma (mai troppo, però) non mutava la sostanza. Ed è forse questo il dato che riassume tutti i “segreti”: chi decideva “Golf” sapeva cosa aspettarsi. In qualche modo lo pretendeva. E la Casa tedesca – sicuramente a suo agio in questa logica – glielo dava. Una sorta di prigione dorata, se vogliamo, dove non erano pensabili fughe in avanti o guizzi di fantasia. Fu così fin dall’inizio, quando a Wolfsburg e dintorni si tormentavano la materia grigia per trovare un modello che fosse degno (e non arrischiato) erede del mitico Maggiolino.

Quando, il 29 marzo del 1974, la prima Golf lasciò la catena di montaggio crediamo che la percentuale di “sospiri di sollievo” sia stata inferiore, e di molto, al “fiato sospeso”. Come sarebbe andata, infatti, sul mercato quella “scatoletta” dalle linee essenziali tipiche della matita dell’italiano Giugiaro, papà di un’altra icona, la Panda? Sarebbe andata bene, natürlich: dopo due anni 1 milione di Golf vendute, che sono diventate quasi 7 milioni (grazie anche alle prime versioni Cabrio, Gtd e Gti) tirando le somme nel 1983, al cambio di generazione. Generazioni che si susseguono con cadenze quasi regolari e non con alterne fortune, bensì con una costante crescita di popolarità. A ogni passaggio generazionale si aggiungono naturalmente novità tecniche (ma senza esagerare, talvolta persino con un po’ di ritardo rispetto ai concorrenti), che si accompagnano a un’evoluzione stilistica sempre prudente, che con gradualità addolcisce le linee e porta di tanto in tanto qualche ritocco anche alle dimensioni esterne. Per esempio, dagli originari 3 metri e 70 di lunghezza si è via via arrivati agli attuali 4,25. Da ricordare che con la Golf VI un altro italiano, Walter De Silva, torna a occuparsi del design, mentre la VII si segnala per un’offerta di alimentazioni veramente ampia: benzina, diesel, metano, elettrica e ibrida plug-in. E di questa ultima generazione c’erano a disposizione per la prova dei giornalisti i modelli più significativi; tra questi, i più “gettonati” la versione Mpv Sportsvan e la Golf “più potente di sempre”.

Golf Cabriolet 1979I 40 anni di Golf sono stati anche recentemente celebrati un po’ dappertutto con la promozione di eventi e la partecipazione a saloni specializzati, nonché con gli immancabili raduni. Ma perché la cosa fosse più tangibile e, in qualche modo, restasse nella memoria, è stata anche allestita una versione “dei 40 anni” in mille esemplari con un “pacchetto” esclusivo, in aggiunta all’allestimento Highline: fari bi-xeno adattivi con lavafari, luci diurne a led, cerchi in lega speciali e altro ancora.

Silvano di Varmo

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!