I dirigenti Fiat donano due auto all’Auschwitz Museum

20 Gennaio 2015

TORINO. Il Gruppo Dirigenti Fiat (GDF), in collaborazione con FCA Italy, ha donato una Jeep Renegade e una Fiat 500X all’Auschwitz-Birkenau Museum per lo svolgimento delle attività di sorveglianza. La cerimonia di consegna delle chiavi si è svolta a Torino, davanti alla palazzina di Mirafiori, sede di FCA Italy. Erano presenti Nevio Di Giusto e Daniele Chiari, rispettivamente presidente e vice presidente del GDF, Anna Skrzypinska, deputy director di Auschwitz-Birkenau Museum e Marek Zieciak, figlio e parente di vittime e membro effettivo del reparto di Sorveglianza del Campo. L’iniziativa avviene a pochi giorni dal settantesimo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau, che ricorre il 27 gennaio, Giorno della Memoria, ricorrenza che ogni anno viene celebrata in commemorazione delle vittime dell’Olocausto.

Da sinistra: Marek Zieciak, Anna Skrzypinska, Daniele Chiari e Nevio Di Giusto

Da sinistra: Marek Zieciak, Anna Skrzypinska, Daniele Chiari e Nevio Di Giusto

Creata nel 2009, la Fondazione ha come scopo principale gestire le visite al Campo di Concentramento di Auschwitz-Birkenau (patrimonio dell’umanità dell’UNESCO dal 1979), tutelare il sito e mantenere viva la memoria di un tragico momento della storia d’Europa e del mondo. La decisione di donare le due vetture è nata dopo una missione culturale fatta lo scorso anno dal Gruppo Dirigenti Fiat presso l’Auschwitz Birkenau Foundation.

Nell’ambito della giornata torinese, i rappresentanti dell’Auschwitz-Birkenau Museum hanno anche incontrato il Sindaco Piero Fassino, il Presidente del Consiglio Regionale Mauro Laus, gli allievi dell’Istituto Sociale e visitato il Centro Ricerche Fiat di Orbassano.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!