A Trieste la prima autoscuola che propone l’auto elettrica

3 Ottobre 2018

TRIESTE. Basta gasolio, basta benzina, ormai il futuro è segnato dalle alimentazioni ibride, se non addirittura full electric. E così bisogna adeguarsi, al punto che un’autoscuola di Trieste, la Bizjak, ha introdotto per prima in Italia i corsi di guida da effettuare con una vettura a trazione elettrica. Si preme sull’acceleratore e si parte, al punto che non serve nemmeno la frizione nè il cambio. Un altro modo di guidare la macchina che sicuramente incontrerà parecchio successo, soprattutto fra i giovani, oppure fra gli anziani che non hanno più voglia di smanettare con il cambio manuale. Una scelta, operata da Stefano Bizjak e suo padre, per una guida ecosostenibile e per essere sempre all’avanguardia a Trieste per quanto riguarda l’innovazione nel campo dell’insegnamento della guida automobilistica.

Così è stata presentata nella centrale zona pedonale di piazza della Borsa la new entry elettrica, una BMW i3 messa a disposizione dal Gruppo Autostar, presente in tutto il Friuli Venezia Giulia anche con i marchi Mercedes-Benz, smart e Mini. Da fine ottobre verrà utilizzata sia per lezioni ed esami pratici con i patentandi, sia attraverso lezioni di guida dedicate a coloro che già possiedono la patente. Il team di Autoscuole Bizjak è stato formato in materia dagli esperti Autostar, così da poter inserire all’interno del percorso di formazione in aula lezioni teoriche di eco-guida, che spaziano dalle caratteristiche distintive dei mezzi elettrici alle pratiche più consigliate per il risparmio dei consumi alla guida e per la riduzione dell’inquinamento atmosferico.

Il progetto è nato da una volontà ben precisa: “Vogliamo avvicinare i giovani alla mobilità elettrica – ha dichiarato Stefano Bizjak – spiegandone i vantaggi e accompagnandoli in un percorso teorico e pratico di conoscenza del mezzo. Il futuro è più attuale di quanto non pensiamo. Le nuove soluzioni di mobilità sostenibile devono essere incoraggiate e noi, come autoscuola, abbiamo il dovere di farlo per primi, occupandoci quotidianamente della formazione di tutti i nuovi automobilisti in città e provincia”.

Alla presentazione del progetto c’erano anche Fabio Scoccimarro, assessore regionale all’ambiente ed energia e Lorenzo Giorgi, assessore comunale al commercio e al volontariato. L’iniziativa – hanno detto – va di pari passo con le più recenti misure attuate dalla Regione e dal Comune di Trieste (come lo stanziamento di nuovi contributi di 5 mila euro per l’acquisto di auto green) ed investimenti su mezzi pubblici ecologici, allo scopo di promuove una conoscenza più approfondita sui motivi di scelta di un’auto elettrica.

La Bmw i3 – ha spiegato il Product Genius Bmw Autostar Giorgio Batzu, arriva a circa 220 km di autonomia, una distanza che permette alla scuola guida Bizjak di coprire un’intera giornata di guide, con il vantaggio di non produrre inquinamento e di facilitare chi deve prendere la patente grazie a un motore che non si spegne mai. Ma i vantaggi di scegliere un’auto elettrica non sono solo legati alle emissioni pari a zero. All’automobilista che vuole “passare” a una soluzione ibrida o elettrica va ricordato che l’assicurazione e la tassa di possesso sono più economici; la prima ora di parcheggio è molto spesso gratuita; si possono richiedere contributi regionali per l’acquisto del mezzo; le prestazioni sono sempre più competitive, così come i sistemi di ricarica, ed è possibile accedere alle zone a traffico limitato. Fattori, tra gli altri, che stanno contribuendo a una lenta, ma positiva, crescita delle richieste di auto “green”, così come registrato dal Gruppo Autostar, punto di riferimento in Friuli Venezia Giulia per l’acquisto di modelli full electric o ibridi.

Oltre al progetto di scuola guida, le Autoscuole Bizjak hanno annunciato l’organizzazione di altre interessanti iniziative, volte a sensibilizzare un pubblico più ampio verso la scelta di soluzioni sostenibili, non solo in tema di mobilità. Nei prossimi mesi, infatti, prenderanno il via i “Sabati elettrici”, test drive gratuiti in città su modelli di auto elettriche, e verrà organizzata la prima “Giornata Ecologica”, un vero e proprio approfondimento trasversale sul mondo “green” con il supporto di aziende provenienti da tutta la Regione, che da sempre pongono attenzione alla sostenibilità nello sviluppo dei loro prodotti o servizi.

C.S.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!