Un “corto” sulla professione di infermiere: precasting

21 Novembre 2017

TRIESTE. Va alla Comunità di Sant’Egidio di Trieste, per il progetto “Sostegno alimentare 2017″ rivolto alle fasce della cittadinanza più deboli e a ridotto potere d’acquisto, la 5^ edizione del contest di solidarietà IPASVI dedicato alla promozione delle buone pratiche per il territorio: anche quest’anno il Collegio che raggruppa oltre 2mila Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici d’Infanzia della provincia ha dedicato la sua campagna di crowdfunding alla solidarietà, per premiare la più meritevole iniziativa con finalità di supporto socio-sanitario sul territorio.

«Nel luglio scorso avevamo raccolto un autofinanziamento di oltre 1.000 euro destinati alla realizzazione di progetti legati alla solidarietà – spiega il presidente di IPASVI Trieste, Flavio Paoletti -. Gli anni precedenti abbiamo sostenuto, via via, i progetti delle associazioni il buon pastore”, “I Girasoli”, “Scricciolo onlus” e “Stelle sulla terra”. IPASVI collega da sempre la ‘mission’ della professione ai valori di solidarietà e sostegno socio-sanitario: per questo abbiamo voluto consolidare il ruolo del cittadino quale interlocutore fondamentale, motore di progetti solidali ma anche destinatario degli interventi». A siglare il riconoscimento a Sant’Egidio 2017 è stata la Commissione giudicante IPASVI composta da Cecilia Trotto, Iulia Terentieva e Patrizia Piriavich. La comunità Sant’Egidio di Trieste, presieduta da Paolo Parisini, è nata nel 1989 ed è ben radicata nel territorio, con un centinaio di volontari impegnati sul versante del sostegno, anche attraverso la fornitura di generi alimentari alle persone con maggior difficoltà economica residenti nella provincia.

Ma c’è un’altra novità che coinvolge il Collegio IPASVI di Trieste: la Federazione Nazionale IPASVI ha finanziato la produzione di “Resilienza”, un cortometraggio, della durata di 12 minuti su screenplay e per la regia del filmmaker Domenico Raina. Il plot è dipanato attraverso la voce guida di un infermiere alle prese con la quotidianità del suo lavoro, in un percorso che segnerà anche l’ evoluzione umana e personale del protagonista. Una videopillola di 3 minuti sarà tratta dal corto e veicolata viralmente, quale strumenti di sensibilizzazione intorno alla professione dell’infermiere. Le riprese inizieranno il 4 dicembre e si protrarranno per una decina di giorni a Trieste, mentre il precasting si svolgerà giovedì 23 novembre dalle 17 alle 19 nella sede del Collegio IPASVI in via Roma 17 a Trieste. Il casting sarà aperto ai colleghi iscritti, possibilmente con qualche piccola esperienza di recitazione/teatro. Domenica 3 dicembre, dalle 9.30 alle 12, alla presenza del regista Domenico Raina si passerà al casting definitivo e quindi alla selezione finale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!