Un Consorzio Doc Friuli per l’autogoverno produttivo

20 Agosto 2019

UDINE. La Doc Friuli è sempre più gradita e rivendicata dai produttori della nostra regione. Lo confermano i dati della Ceviq (Certificazione vini e prodotti italiani di qualità) che indicano come gli ettolitri di vino complessivamente rivendicati a Doc Friuli nel 2018 (e, dunque, finiti effettivamente in bottiglia), siano oltre 183.000, con una crescita del 29% rispetto all’anno precedente.

«È un trend di crescita che consideriamo positivamente – sottolinea Venanzio Francescutti, presidente di Fedagripesca Fvg – e che abbiamo sempre auspicato. Ora riteniamo che questo patrimonio di fiducia verso la nuova Doc, nata nel 2016, non vada disperso ma, anzi, valorizzato. La maniera più coerente per farlo – prosegue Francescutti -, sarebbe quella di costituire il Consorzio di tutela che dovrebbe essere l’organo di autogoverno dei produttori, capace di incidere in maniera decisa sulla gestione della produzione e la tutela effettiva della Denominazione. I passaggi tecnici e burocratici non sono semplici, ma Confcooperative Fvg e Fedagripesca Fvg sono, da sempre, al fianco dei produttori per contribuire a risolvere tutte le problematiche che si presenteranno sulla strada da percorrere per raggiungere l’ambizioso obiettivo. E – conclude Francescutti – i vignaioli regionali sono talmente consapevoli di tutto ciò che si sono impegnati a portare a casa il risultato della costituzione del Consorzio in tempi brevi, probabilmente appena terminata la vendemmia (o, al massimo, nel tardo autunno) che prenderà avvio tra una decina di giorni».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!