Il senatore Morando visita le strutture nautiche di Lignano

20 Gennaio 2018

Da sinistra, il Sindaco Fanotto, il Viceministro Morando, l’imprenditore Ardito, il Consigliere Boem, Alessandro Tesini, l’Assessore Ciubej e il professor Claroni

LIGNANO. Come annunciato, il viceministro dell’Economia Enrico Morando ha fatto visita ieri a Lignano, accolto da Alessandro Tesini ex presidente del Consiglio regionale. Ad accompagnare il rappresentante del Governo c’erano il Consigliere regionale Vittorino Boem, il Sindaco di Lignano Sabbiadoro Luca Fanotto, l’Assessore comunale Paolo Ciubej, il professor Alessio Claroni e l’imprenditore Giorgio Ardito. L’incontro, svoltosi in municipio, è stato occasione per illustrare al senatore Morando le risorse turistiche della località balneare e gli importanti investimenti pubblici e privati in atto per rinnovare e mantenere competitiva l’importante località turistica.

La visita al presepe di sabbia: da sinistra, Claroni, Ardito, Morando e Montrone

Si è anche parlato della vocazione di Lignano e del suo comprensorio per il diportismo nautico. Al riguardo con il professor Claroni è stato fatto il punto sui futuri provvedimenti legislativi necessari a sbloccare la situazione di tanti porti turistici in Italia, che hanno dovuto intraprendere un contenzioso con lo Stato contro l’applicazione, a contratti di concessione demaniale registrati alla Corte dei Conti, di provvedimenti pensati per altre categorie di imprese. Il Viceministro si è detto convinto che nella prossima legislatura il tema delle concessioni demaniali debba essere affrontato per rispondere alle direttive europee, per dare orizzonti temporali certi agli operatori, riconoscendo avviamento e valore commerciale delle aziende sul demanio e distinguendo tra le concessioni per atto formale in corso all’entrata in vigore della Legge 296/06 con investimenti di rilievo e riguardanti in gran parte i porti turistici per i quali va mantenuto il rapporto stabilito al rilascio della concessione dagli altri tipi di concessioni.

A Marina Punta Faro

Dopo l’incontro nell’ufficio del Sindaco e la foto di rito davanti al Municipio, la giornata lignanese del Viceministro Morando è proseguita a pranzo al ristorante al Brigantino. Da lì a piedi fino al Presepe di Sabbia, la cui storia e la cui realizzazione è stata illustrata da Mario Montrone, presidente dell’associazione “Dome aghe e savalon d’aur”, organizzatrice dell’evento. Morando è rimasto particolarmente colpito dalla maestria degli artisti della sabbia, dalla grande affluenza di pubblico anche a gennaio inoltrato e dalle finalità benefiche dell’evento.

Prima di lasciare Lignano, l’esponente del Governo si è recato a Marina Punta Faro, dove ha potuto rendersi conto del grande volano economico ed occupazionale che gravita attorno al mondo della nautica e in particolare della nautica nel comprensorio turistico-nautico di Lignano Sabbiadoro (con 7 marine tutte insignite da anni del prestigioso riconoscimento della Bandiere Blu della F.E.E. – Foundation for Environment Education).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!