Scaffalature a prova di sisma

12 Luglio 2014

modulblok_01SUSANS –  Zero crolli registrati. Durante gli eventi sismici del maggio 2012 in Emilia tutte le scaffalature industriali prodotte da Modulblok hanno retto alle scosse riportando in alcuni casi dei danni ma senza collassare.

Dati importanti che l’azienda friulana, con 150 dipendenti distribuiti nelle due sedi di Pagnacco e Amaro e un fatturato di 25 milioni di euro, ha rivelato in occasione dell’incontro “Le norme e la ricerca scientifica per la progettazione sicura delle scaffalature industriali” che si è tenuto il 10 luglio scorso nel Castello di Susans a Susans di Majano.

Un’iniziativa nata con l’intento di scoprire insieme ai massimi esperti e professori universitari l’attuale situazione normativa del settore in tema di sicurezza e le più avanzate ricerche del settore soprattutto legate alle scaffalature presenti in zone sismiche.

Per quanto riguarda l’aspetto normativo Modulblok è in prima linea non solo nell’ottenere le certificazioni (nell’ottobre 2013 è stata la prima azienda in Italia a ottenere la certificazione IGQ per la norma più importante del settore, la EN 15512:2009) ma anche nel contribuire a definire le normative del futuro nel settore: i tecnici e ricercatori dell’azienda partecipano attivamente ai gruppi di lavoro dell’UNI (ente normativo italiano), dell’ERF (European Racking Federation) e del CEN (Comité Européen de Normalisation).

“Per noi – ha dichiarato l’amministratore unico di Modulblok M a u r o S a v i o durante l’incontro – è fondamentale coniugare la nostra esperienza di quarant’anni nel settore con la ricerca effettuata dall’università: ecco perché cerchiamo atenei anche molto lontani dal Friuli e dall’Italia per realizzare insieme studi innovativi legati al tema della sicurezza”.

Dall’Australia infatti è arrivato l’ospite d’eccezione dell’incontro, il professor Benoit Gilbert della Griffith University di Brisbane, fra i massimi specialisti mondiali del settore dei profili formati a freddo e delle scaffalature con cui Modulblok collabora.

Non solo: Modulblok è l’unica azienda italiana che partecipa al Seiseracks2, il progetto di studio europeo più avanzato al mondo sul comportamento degli scaffali in zona sismica. il protrarsi della crisi economica, Modulblok ha aumentato costantemente i propri investimenti in ricerca e sviluppo, collaborando a stretto contatto con centri universitari in Italia e nel mondo.

pubblico incontro ModulblokDalla teoria ai fatti: l’esperienza in Emilia, dove Modulblok commercialmente è molto forte, è indicativa del percorso intrapreso dall’azienda.

Non aver registrato crolli nei vari magazzini realizzati con prodotti Modulblok significa non solo limitare i danni e le spese a livello economico ma anche offrire luoghi di lavoro sicuri per i lavoratori in condizioni estreme come quelle causate dagli eventi sismici.

La filosofia Modulblok si esprime anche e soprattutto nel contribuire alla preparazione dei progettisti del futuro mettendo a disposizione il proprio know-how ai giovani laureandi dell’Università di Udine e alle altre aziende che operano nel settore attraverso la partecipazione alle due più grandi associazioni italiane, l’ACAI (Associazione fra i Costruttori in Acciaio Italiani) e il CISI (Costruttori Italiani Scaffalature Industriali), anch’esse presenti all’incontro di Susans.

Al convegno sono anche intervenuti Carlo Castiglioni, professore del Politecnico di Milano, Walter Salvatore, professore dell’Università di Pisa, Eric Puntel dell’Università di Udine, Michele Di Sario, Field Engineer Manager della Hilti Italia, e Maurizio Santon, Presidente di Divisione Scaffalature Metalliche UNICMI, UNCSAAL – ACAI – Associazione fra i Costruttori in Acciaio Italiani, oltre agli ingegneri Modulblok Tito Cudini e Massimo Faleschini e al consulente dell’azienda Leo Rovere.

E per l’occasione Modulblok ha dimostrato la sua vocazione all’innovazione nella comunicazione presentando la nuova brochure in realtà aumentata realizzata da Studioimagine.net: grazie a un’App dedicata si potranno fruire contenuti interattivi e multimediali di ultima generazione.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!