Salvadigus, caccia al gusto

21 Novembre 2016

TARCENTO. Salvadigus, una delle rare manifestazioni che parlano di selvaggina, è ormai alla 11° edizione e anche quest’anno, attraverso 4 ristoranti (Trattoria Al Gjal Blanc, Ristorante Costantini, Osteria Villafredda e Ostarie Ongjarut), si propongono 4 menù dove la selvaggina è protagonista. Le serate in cui i ristoratori offriranno le prelibatezze di queste carni vanno dal 24 novembre al 2 dicembre. Sarà l’occasione per gustare prodotti di selvaggina e prodotti che si accompagnano alla selvaggina (vini, salumi, formaggi, grappe e dolci).

Importanti collaborazioni del territorio accompagnano infatti le serate: i formaggi dell’Az. Agr. Zore di Alessia Berra di Taipana, il vino Ramanadolo docg dell’Ass. Oro di Ramandolo di Nimis e le grappe della distilleria Ceschia di Nimis. Vini eccellenti di produttori tarcentini seguiranno ogni portata: Perla Bianca di Az. Agr. Belluzzo Graziano, Franconia di Az. Agr. Micossi, Vencjarie di Az. Agr. Cruder Gianluca e Refosco Peduncolo Rosso di Job Agricoltura.

Salvadigus rappresenta una forte tradizione gastronomica del territorio; grazie all’abilità dei ristoratori tarcentini la selvaggina viene offerta in maniera esclusiva, i piatti soddisfano gli appassionati di queste carni e stupiscono ogni palato. Successivamente alla manifestazione, nel periodo invernale, sarà possibile chiedere il menù dell’evento (previa prenotazione) e gustare nuovamente i prodotti che avranno accompagnato la manifestazione.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!