Progetto scuola-lavoro: accordo tra Malignani e Saf

10 marzo 2017

UDINE. Una flotta di circa 400 mezzi per il servizio di trasporto pubblico locale; i collegamenti con la Svizzera, la Francia, il Lussemburgo, il Belgio; un’offerta in crescita di servizi quali scuolabus, noleggio con conducente, servizi transfer e navetta; 600 dipendenti: questi i numeri della SAF Autoservizi F.V.G. S.p.A. SAF appartiene al gruppo internazionale Deutsche Bahn, il colosso tedesco del trasporto ferroviario, nato sulla storia nostrana del trasporto di passeggeri su ruote, le mitiche Collavini, Saita, Autovie Triestine e La Gradese tra le altre. Ieri frammentato tra diverse proprietà, oggi è un’unica entità la cui sede friulana compete a livello europeo ed è in espansione.

SAF, alla ricerca di figure complesse nella manutenzione dei mezzi, ha identificato nell’Istituto Malignani di Udine il partner d’eccellenza per attivare un progetto pluriennale di alternanza scuola / lavoro. Obiettivo duplice: formare professionisti nell’ambito dell’upgrade dei processi di analisi e risoluzione di problemi di diagnostica per quanto riguarda macchine di nuova generazione, e giovani specializzati nella conoscenza, e relativa applicazione, delle regolamentazioni e procedure inerenti il sistema integrato Qualità, Ambiente, Sicurezza e Qualità. Già pluricertificata, l’azienda è determinata a rappresentare un esempio virtuoso per la collettività.

Davanti a un pubblico costituito da studenti e docenti delle classi terze dell’indirizzo Meccanica-Meccatronica, il Dirigente Scolastico Andrea Carletti e l’Amministratore Delegato di SAF, Alberto Toneatto, hanno firmato una convenzione per un percorso triennale sviluppato attorno a tre sessioni di tirocinio nella sede dell’azienda in Viale Palmanova, di cui il primo inizierà il prossimo 29 maggio.

A contestualizzare l’opportunità formativa, di grande significato sotto il profilo delle competenze che i giovani studenti potranno sviluppare, il Dott. Toneatto ha fatto un’ampia presentazione dell’azienda che, per numeri e proiezione sul futuro ha suscitato forte attenzione da parte della platea, dalla quale usciranno nei prossimi giorni i nomi degli studenti destinati a comporre il team di progetto. La professoressa Cecilia Rizzotti, responsabile dei Rapporti con Industria e Lavoro dell’Istituto Malignani di Udine ha esposto i diversi ambiti operativi in cui gli studenti prescelti saranno inseriti, puntualizzando il crescente interesse per le future tecnologie a impatto ambientale zero nei mezzi di trasporto, la coniugazione imprescindibile di meccanica e elettronica e, non ultimo, la necessità di lavorare in team.

Cinque studenti saranno selezionati per un percorso triennale: saranno loro che entreranno a far parte del team dell’azienda. Ma non è affatto escluso che, in futuro, il progetto si apra anche ad altre specializzazioni, compreso il Liceo delle Scienze Applicate che, per l’ampiezza di ambiti disciplinari sviluppati, apre la via a nuove carriere di business management.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!