Omissione di soccorso e spaccio: nei guai due giovani

28 Dicembre 2018

TOLMEZZO. A seguito di specifica richiesta da parte dei colleghi della vicina regione Veneto, sabato 22 dicembre – si legge in un comunicato dell’Uti della Carnia – un gruppo coordinato dai Vice Comandanti dei rispettivi comandi e altri quattro operatori effettuavano, con l’ausilio di una unità cinofila, la perquisizione dell’abitazione di un diciannovenne residente a Tolmezzo in ottemperanza ad un decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Pordenone.

La delega del magistrato si collegava alle indagini volte alla ricerca di un veicolo e relativo conducente che la settimana prima aveva causato un incidente stradale con feriti a Fossalta di Portogruaro. Il conducente del veicolo, anziché fermarsi per verificare l’incolumità della controparte, si dava alla fuga senza prestare soccorso. Fatto ancor più grave considerato che la conducente dell’altro veicolo, una donna residente a Latisana, rimaneva incastrata nell’abitacolo della propria auto e veniva estratta successivamente dai Vigili del Fuoco e condotta in pronto soccorso dai sanitari del 118. Durante la perquisizione venivano sottoposti a sequestro il telefonino e altri dispositivi elettronici in possesso del ragazzo dai quali emergevano chiari elementi di colpevolezza e si riusciva a risalire al nominativo di una seconda persona, che in qualità di trasportato, avrebbe concorso nel reato di omissione di soccorso.

Durante i controlli veniva rinvenuta della marijuana che il giovane aveva cercato di celare sulla propria persona e involucri riferibili alla custodia di altra sostanza stupefacente. A seguito di ulteriori accertamenti e indagini si giungeva repentinamente ad individuare il luogo dove la sostanza rimasta era stata scambiata e all’identità del cedente . Le successive attività d’indagine hanno consentito di ritrovare il veicolo del diciannovenne tolmezzino in un’autofficina della zona, dove era stato portato per essere riparato, mentre, con l’ausilio del cane antidroga, si procedeva alla perquisizione dell’abitazione del ventinovenne tolmezzino cedente la sostanza stupefacente, rinvenendo marijuana, hashish ed eroina nonché strumenti utilizzati per la preparazione delle sostanze.

L’operazione si concludeva in giornata con la denuncia per omissione di soccorso stradale e la segnalazione in Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti a carico del diciannovenne e la denuncia per spaccio di sostanze stupefacenti per il ventinovenne di Tolmezzo. Entrambi i giovani avevano già precedenti specifici per utilizzazione e spaccio di sostanze stupefacenti.

“Sul contrasto allo spaccio di stupefacenti continuiamo a mantenere alta l’attenzione e questa operazione è significativa perché dimostra la capacità della nostra Polizia Locale di lavorare in sinergia con altri corpi anche di fuori regione, come fu già sperimentato con i colleghi di Treviso in occasione della operazione con l’unità cinofila in autostazione a Tolmezzo”, spiega il presidente dell’Unione dei comuni della Carnia Francesco Brollo, che aggiunge: “a questa attività si aggiunge quella più ‘ordinaria’ sul territorio a favore delle esigenze dello stesso e delle amministrazioni comunali, per la quale in collaborazione col comandante, stiamo affinando le linee principali per migliorare sempre più il servizio”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!