Iniziative dell’Ersa alla Mostra formaggi di Enemonzo

25 settembre 2018

Caprini di malga (Foto Ennio Pittino)

ENEMONZO. Sì è conclusa la 44^ Mostra Mercato del formaggio e della ricotta di malga di Enemonzo, a cui collaborato anche ERSA, l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale, nell’ambito di due iniziative di collaborazione transfrontaliera del Programma Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020: “MADE – Malga and Alm Desired Experience”, per conservare e tutelare il patrimonio culturale e naturale, nonché le conoscenze dell’agricoltura tradizionale nella zona alpina e “TOP-Value Il valore aggiunto del Prodotto di montagna”, per favorire l’adesione all’indicazione facoltativa “Prodotto di Montagna” da parte dei produttori di questi territori.

Numerosi sono stati gli eventi che hanno visto protagonista l’Ente. Sabato 15 i tecnici dell’ERSA hanno proposto una degustazione dei prodotti di malga regionali, aperta al pubblico, con un approfondimento guidato sulle caratteristiche dei formaggi e delle ricotte di alpeggio. Domenica 16 è stata la volta del convegno che ha visto un’ampia partecipazione di “addetti ai lavori”, durante il quale il prof. Giulio Cozzi dell’Università di Padova (dipartimento di medicina animale, produzioni e salute) ha relazionato sul tema “Riflessioni sulle ricadute positive nelle produzioni di malga dovute alla corretta interazione tra razze alpeggiate, alimentazione e gestione dei pascoli”. A seguire Ennio Pittino, tecnico dell’ERSA, ha spiegato ai presenti le modalità con cui si sono svolte le fasi di valutazione dei prodotti in concorso. Particolare attenzione è stata data ai formaggi caprini di malga, che per la prima volta sono stati inseriti, con apposita classifica, alla rinomata rassegna.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!