Infosanità: nasce a Trieste un link tra giornalisti e Ipasvi

9 Febbraio 2016

TRIESTE. Una sinergia tra professionisti per aiutarsi a vicenda per comunicare il mondo sanitario con chiarezza di informazioni, nella tutela del cittadino: un vero e proprio coordinamento “infosanità” che resterà attivo fra Ordine dei Giornalisti Fvg e Collegio Ipasvi Trieste. E’ quanto emerso a Trieste nel primo confronto trilaterale tra ordini professionali (infermieri, giornalisti e avvocati) “Il cittadino, la sanità, l’infermiere. Come cambia la comunicazione, come evolve la norma”.

convegno1Ideato e promosso da Ipasvi Trieste (il Collegio che raggruppa oltre 2 mila infermieri professionali, assistenti sanitari e vigilatrici d’infanzia della provincia) – in partnership con l’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione inoltre con l’Ordine degli Avvocati di Trieste e l’Associazione Nazionale Magistrati sezione di Trieste – l’obiettivo del convegno è stato di focalizzare gli aspetti intorno ai quali, nel quotidiano, si producono reciproche interazioni fra chi opera nella sanità, e ne comunica fatti di cronaca o elementi di evoluzione, e chi è preposto a darne informazione.

«Infosanità sarà un coordinamento permanente tra giornalisti e infermieri – spiega Flavio Paoletti, presidente Ipasvi Trieste – in cui Ipasvi darà le notizie da veicolare, soprattutto quelle positive, ma anche quelle innovative che vuole mettere in atto nel futuro. Così i giornalisti potranno avere degli elementi oggettivi e reali e avranno il tempo per ragionare sulla notizia, sottoporla in visione e dare informazioni più corrette alla cittadinanza. Ipasvi e Odg saranno in contatto bimestrale con newsletter che arriveranno ai giornalisti e agli infermieri». «Il nostro organo di informazione, Giornalista oggi, è adesso sul web – spiega il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Fvg Cristiano Degano – e con cadenza bimestrale inizieremo a scambiarci con l’Ipasvi le notizie che possono essere utili a entrambe le nostre categorie. Un inizio di collaborazione per aumentare lo scambio di informazioni anche tra le nostre categorie».

convegno2Nel pomeriggio il convegno si è esteso a una ricognizione sul versante della tutela e responsabilità legale legata ai temi e alle professioni sanitarie, con la tavola rotonda introdotta da Flavio Paoletti insieme al Presidente della Camera Penale di Trieste Alessandro Giadrossi, alla quale hanno preso parte anche la senatrice Annalisa Silvestro, storica presidente nazionale di Ipasvi, e con gli avvocati Mario Diego e Francesco Bilotta e il magistrato Massimo Tomassini. Anche in questo caso la conoscenza reciproca fra professionalità aiuta a restituire il contorno dei contesti, migliora l’informazione e la comunicazione, favorisce la capacità di giudizio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!