Il teatro “apre” ai bimbi

6 Gennaio 2012

Si chiude domenica 8 gennaio, con un evento tutto dedicato ai bambini, il Natale in Città del Comune di Pordenone: “Favole in festa”, la manifestazione che vede il Teatro Verdi trasformarsi per una giornata in un contenitore di storie, fantasia ed emozioni, organizzata in collaborazione con il Comune e anche grazie al sostegno di uno degli Amici del Teatro, la Tipografia Sartor, del main sponsor Yoga e di Latterie Friulane e Acqua Dolomia. Un evento che fin dal primo anno ha riscosso il gradimento del pubblico, testimoniato da numeri da record: basti dire che anche l’anno scorso hanno partecipato più di 2 mila bambini! Liberi di scorrazzare su e giù tra i foyer, dove sarà davvero difficile scegliere tra le tante proposte di questa nuova edizione.

“Un appuntamento magico per stare assieme, divertirsi, immaginare, inventare – sottolinea la curatrice della manifestazione, Emanuela Furlan, direttore del Comunale – e, nello stesso tempo, per giocare, pensare, ascoltare: il Teatro apre nuovamente il suo “scrigno” ai più piccoli perché, con i genitori, possano fruire in modo ludico di ciò che è insito del teatro: la creatività”. Il tema principale della nuova edizione di Favole in Festa è quello dei “mondi fantastici”, un viaggio nella fantasia più sfrenata pensato per il piccolo/grande esploratore che c’è in ogni bambino.

Entrando nel dettaglio del programma, cominciamo con Arlecchinata, teatro di burattini di e con Paolo Papparotto, dove, nella tradizionale baracca in stile veneziano, tre storie si ripetono: durano il tempo di uno scherzo, di una burla o di una “arlecchinata”. E ogni storia ogni volta sarà comunque diversa… Storie di sabbia é un angolo magico per la creatività: attraverso le sapienti mani di Massimo Ottoni prende vita un viaggio emozionale nel mondo fantastico di Salari: la tela è una montagna di sabbia e i pennelli sono le sue mani.

Sentieri di carta, folletti nascosti e alberi in armadio è la mostra a tecnica mista a cura di Caterina Santambrogio e Arianna Russo, artiste pordenonesi che da anni si dedicano all’illustrazione per l’infanzia e all’artigianato artistico con entusiasmo ed allegria. In questa occasione danno vita ad un fantastico mondo d’immagini, piccole scenografie, segni e colori.

L’acqua e il mistero di Maripura fará da sfondo alle letture di Chiara Carminati, che racconterà di una fonte da proteggere, una bimba coraggiosa, uno spirito dei fiumi, una notte di ombra e luna. Le Storie dell’ inventor Inventa Storie (un irresistibile Ramiro Besa, ovvero la “metà” dei Papu) offriranno ai bambini la possibilità di giocare con l’originale macchina sforna favole in stile rodariano: girando un semplice ingranaggio prenderanno forma migliaia di storie.

Universi immaginari e mondi bizzarri è invece il titolo del laboratorio creativo a cura di Julia Artico, una sorta di fabbrica magica in cui ci sono tutti gli ingredienti che servono: stoffa, cartone, legno e materiali di riciclo per creare i propri mondi fantastici.

E poi le letture a cura della Biblioteca di Pordenone, tra Storie di angoli, viuzze e nascondigli, il ritorno del Giardino incantato, uno spazio per i piccolissimi dove poter liberamente giocare, guardare e riposare e l’immancabile Angolo dei libri a cura di Alfredo Stoppa.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!