Cia Fvg: roulotte in dono a due allevatori marchigiani

9 Settembre 2016

PORDENONE. “L’agricoltura del Friuli Venezia Giulia non dimentica”, e intende essere tra le prime realtà che portano un aiuto concreto alle popolazioni terremotate del centro Italia, intervenendo direttamente a favore del mondo rurale dell’Appennino. Giungeranno infatti domattina (10 settembre) in Umbria le due roulotte che la Confederazione Italiana Agricoltori del Friuli Venezia Giulia (Cia FVG) ha donato a due aziende agricole zootecniche situate rispettivamente nei pressi di Norcia e a Castelluccio. Le roulotte saranno trasportate in alta quota, in quanto le due aziende operano nelle malghe appenniniche. E sono stata individuate tra le realtà del mondo rurale che hanno maggiormente risentito del sisma. I rispettivi operatori debbono continuare accudire al bestiame sul posto, e lassù in alto la stagione fredda arriverà tra breve.

Ennio Benedetti

Ennio Benedetti

Le roulotte sono partite stamane da Pordenone, a bordo di un camion appositamente attrezzato. Alla consegna di domani saranno presenti il direttore della CIA FVG, Ennio Benedetti, e della CIA della Provincia di Pordenone, Davide Vignadel, assieme ai dirigenti dell’Umbria e ai titolari delle due aziende. “Sappiamo bene che cosa significa vivere il terremoto, con scosse telluriche continue che, in casi come quello delle due aziende marchigiane, continuano a farsi sentire, facendo innervosire anche il bestiame al pascolo – ha detto Benedetti -. E sappiamo, avendo vissuto momenti altrettanto drammatici come quelli che stanno attraversando in questo periodo gli abitanti dell’Italia centrale, come sia difficile rimanere lì, su quelle terre percorse dal sisma per mantenere un’attività agricola che non si può abbandonare. Siamo coscienti che questo gesto rappresenta una goccia nel mare delle necessità, ma intendiamo in questo modo dimostrare la solidarietà che anima il mondo rurale, e della quale anche gli agricoltori friulani hanno tratto giovamento quarant’anni fa”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!