Chiesti progetti alla Regione sui mutamenti climatici

13 Marzo 2019

UDINE. Innalzamento dei mari da 40 a 60 centimetri entro la fine del secolo, estati sempre più torride con maggiori richieste di irrigazione per le coltivazioni a fronte di inferiori disponibilità idriche, mutazioni degli ecosistemi, aumento delle ondate di calore e degli eventi atmosferici estremi: questo il drammatico quadro dipinto dalla relazione sullo studio conoscitivo dei cambiamenti climatici e di alcuni loro impatti in Friuli-Venezia Giulia, presentato martedì 12 marzo, in sede di 4^ Commissione dai coordinatori dello studio medesimo Federica Flapp e Stefano Micheletti di Arpa Fvg, alla presenza dell’assessore regionale all’Ambiente ed energia Fabio Scoccimarro.

«I dati scientifici esposti oggi – commentano i consiglieri Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli del Gruppo Consiliare del Patto per l’Autonomia – confermano quanto improrogabile sia il tema della mozione che abbiamo depositato in questi giorni e con cui chiediamo alla Regione un urgente cambio di passo al fine di contrastare i cambiamenti climatici, attraverso l’adozione di precise politiche programmatorie che individuino azioni tempestive sia a livello regionale che a livello locale, nonché di azioni di coordinamento con le iniziative relativamente ai Piani d’azione per l’energia sostenibile e il clima del Patto dei sindaci».

Con la mozione, inoltre, i consiglieri Moretuzzo e Bidoli, chiedono un impegno al governo regionale al fine di esprimere un formale sostegno a “Fridays for future”, iniziativa nata dalla sensibilità di sempre più numerosi gruppi di giovani, ormai diffusa a livello mondiale e radicata anche sul territorio regionale. «Questa iniziativa – concludono Moretuzzo e Bidoli – dimostra che una parte fondamentale della nostra società, cioè i nostri giovani, hanno capito che questo tema è centrale e decisivo per il futuro». Per questa ragione, il Patto per l’Autonomia – rappresentato dal segretario e capogruppo in Consiglio regionale Massimo Moretuzzo – sarà presente, venerdì 15 marzo, al “Global Strike For Future”, lo sciopero internazionale per il clima organizzato anche a Udine dal gruppo locale di “Fridays for future”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!