Cellina Meduna: ma che si aspetta? La maggioranza c’è…

11 Novembre 2014

PORDENONE. “La situazione in cui sta operando il Consorzio di bonifica Cellina Meduna è molto delicata, si rischia – si legge in una nota – la paralisi a danno delle aziende e del territorio. Serve che vengano da subito recepite le indicazioni della Regione sulla convocazione del consiglio”.
A tale riguardo Coldiretti e Confagricoltura evidenziano poi come vi sia una chiara e palese maggioranza in grado di esprimere il presidente ed in grado di dare governabilità all’ente. Tale maggioranza si è espressa e manifestata già nell’ultimo consiglio dei delegati.

Le voci e le dichiarazioni che continuamente sottolineano stati di criticità amministrativa – continua il comunicato di Coldiretti Pordenone -, non fanno altro che indebolire e limitare l’operatività del Consorzio di bonifica Cellina Meduna. Ciò dimostra la mancanza di responsabilità di chi prima dichiara di voler lavorare per il bene del consorzio e dei consorziati, ma nello stesso tempo ne impedisce la governabilità. Le proposte di dimissioni reali o paventate sono chiaramente un grave gesto ed evidenziano un modo di operare che non risolve i problemi e che di fatto porta alla paralisi dell’attività.

A fronte di tutto ciò, Coldiretti e Confagricoltura auspicano venga riconosciuta la palese maggioranza che si propone a governo dell’ente. Nel rispetto delle regole democratiche, del territorio e delle aziende agricole.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!