Cecotti favorevole alla carta d’identità bilingue a Cividale

20 Aprile 2018

UDINE. Via libera alla carta di identità elettronica bilingue italiano-sloveno a Cividale, come negli altri Comuni della fascia confinaria, soggetti a tutela della minoranza linguistica slovena. Non tutti sono d’accordo. «Il Patto per l’Autonomia è favorevole, perché questo passaggio sta a significare come le comunità del territorio siano plurilingui – afferma il candidato del Patto per l’Autonomia alla presidenza della Regione, Sergio Cecotti –, e, alla luce di questa realtà, speriamo in futuro di avere carte di identità plurilingui. Le minoranze linguistiche sono il primo motivo per cui la nostra Regione è speciale e gode di un sistema di finanziamento più vantaggioso – ricorda Cecotti –. La natura propria del Friuli-Venezia Giulia è quella di essere quadrilingue. Questo dato costitutivo dovrebbe essere esibito in tutte le occasioni e in tutti i luoghi dove la Regione presenta sé stessa e dichiara cosa è e cosa vuole essere. Anche la carta intestata dovrebbe recare il nome della Regione in 4 lingue, in modo che tutti gli interlocutori comprendano la natura dell’Istituzione con cui si confrontano».

Cecotti domani, sabato 21 aprile, dopo la mattinata al mercato di Spilimbergo (dalle 10.30), sarà impegnato in un tour della montagna friulana, che lo porterà alle 13 a Forni Avoltri (Albergo Sottocorona), alle 14.30 a Sappada (Ristorante Ti sPiazza), alle 16.30 a Tolmezzo (Bar Il gatto e la volpe) per poi arrivare alle 18.30 a Urbignacco di Buja, al Ristorante Belvedere (all’incontro parteciperà anche il professor Angelo Floramo) e infine, alle 21, al Ristorante Hotel Carnia di Stazione Carnia, a Venzone. Cecotti sarà accompagnato dai candidati consiglieri della circoscrizione di Tolmezzo Domenico Romano, Olga Passera e Gianpietro Zanni.

Condividi questo articolo!