Successo di pubblico per il Piccolo Opera Festival

8 agosto 2018

Castello di Duino

Musica classica e concerti, grande Lirica, divertissement in musica e l’Opera in versione “da salotto”, con importanti collaborazioni artistiche internazionali, disseminati nelle location più affascinanti e ricche di storia del Friuli Venezia Giulia. Tutto questo ha caratterizzato il successo dell’undicesima edizione del “Piccolo Opera Festival FVG”, la ricca e inedita manifestazione firmata dalla direzione artistica del baritono Gabriele Ribis, che proprio in questi giorni ha debuttato davanti ad ottomila persone nell’opera Il Barbiere di Siviglia al Chorégies d’Orange, il più antico festival d’opera di Francia, allestito nel Teatro romano di Orange.

Castello di Spessa

Il Piccolo Opera Festival ha confermato anche nell’edizione da poco conclusa la peculiare attitudine cultural-turistica di un evento che unisce suggestive dimore storiche, raffinate proposte artistiche, visite guidate e degustazioni: ricordiamo che quest’anno il festival si era mosso tra lo splendido “balcone” sul mare del Castello di Duino in provincia di Trieste, all’incantevole tenuta del Castello di Spessa, la sfarzosa Villa Manin Guerresco di Clauiano, Palazzo Altan di San Vito al Tagliamento e la meravigliosa residenza tra Palmanova e Aquileia Villa Pace. Il programma di quest’anno è stato per la prima volta preceduto anche da tre esclusivi concerti organizzati con la collaborazione dell’ERPAC in altrettante Ville de patrimonio regionale: Villa Varda di Brugnera, Villa Gorgo di Nogaredo al Torre e Palazzo Attems-Petzenstein di Gorizia.

Villa Manin Guerresco

Ancora più numerosi in questa edizione gli appassionati d’opera, e più in generale gli amanti della musica e delle bellezze architettoniche toccate dell’evento, che hanno seguito la manifestazione anche giungendo dalla vicina Austria, dalla Slovenia e da altri Paesi come Germania, Svizzera, Olanda e Francia. I 13 eventi di quest’anno, di cui 6 a pagamento e altri 7 a ingresso libero, hanno totalizzato oltre 1.500 spettatori con due sold-out che hanno riempito le intime location del festival. Il 45% dei biglietti emessi è stato appannaggio dei tour operators con un incremento rispetto al 2017 del 115%. 1.250 sono stati i pernottamenti generati sul territorio regionale, di cui 340 per artisti e 650 pernottamenti degli ospiti dei tour operators. Ben 250 sono state le presenze alle cene e degustazioni organizzate in occasione del festival.

Ma mentre è calato il sipario su questa edizione, già ferve l’attesa per la prossima, con quasi 300 biglietti già prenotati dalle agenzie di tour operators per il 2019. Grande quindi la soddisfazione del direttore Ribis che è già al lavoro per l’edizione del prossimo anno che si intitolerà Gioia: «il tema della dodicesima edizione ha, come sempre, diverse chiavi di lettura – spiega il direttore artistico -, anche se essenzialmente vuole ricordare quel giorno di Natale del 1989 quando 30 anni fa le note dell’Inno alla Gioia di Beethoven sancirono la caduta del Muro di Berlino». «Muri ideali che divisero anche una città della nostra regione come Gorizia. La Musica che racconta la Storia, e viceversa».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!