Una serata per raccontare il Romanticismo tedesco

10 Maggio 2016

ROVEREDO IN PIANO. Un programma per raccontare il romanticismo tedesco a cent’anni dalla morte di Max Reger, con brani di Mendelssohn-Barthòldy (che nella Sonata in La maggiore, dell’op. 65, sperimenta all’organo la potenza della forma, creando un brano di mirabile bellezza e intensità), Rheinberger (che nella sua Sonata esprime la consapevolezza del passato e l’armonia del romanticismo felice con la maestria del virtuoso), Brahms (che trova nell’organo lo strumento per consegnare la propria opera ai posteri e la propria anima a Dio) e dello stesso Reger (con composizioni ispirate a forme del barocco). A proporlo – mercoledì 11 maggio alle 21 nella chiesa di San Bartolomeo a Roveredo in Piano – sotto il titolo L’idea del Sublime (omaggio al “Maestro Contrappunto” e alla sua capacità di eterna di emozionare e celebrare il bello) sono 2 giovani musicisti pordenonesi, dal curriculum ragguardevole, apprezzati professionisti molto richiesti all’estero: gli organisti Elia Pivetta e Alberto Gaspardo.

gaspardo e pivettaElia Pivetta, classe 1989 di Prata, si è diplomato brillantemente al Conservatorio di Udine con Beppino Delle Vedove e si sta perfezionando alla Schola Cantorum Basiliensis (Basilea). Ha ottenuto diversi riconoscimenti in competizioni organistiche nazionali tra cui il premio a Varzi (2011), il premio ad Acquiterme (2011) il Concorso Internazionale di Fano Adriano (2013). Oltre a collaborare come continuista all’organo e al cembalo con diverse formazioni corali e strumentali, è fondatore e direttore artistico dell’Accademia Palatina, gruppo strumentale di giovani musicisti secondo prassi e su strumenti d’epoca. È organista della chiesa di S. Lucia a Prata di Pordenone dove suona un organo Beniamino Zanin del 1926. Alberto Gaspardo ha studiato pianoforte, organo, composizione organistica e clavicembalo con diversi maestri , perfezionandosi con maestri di fama internazionale (Radulescu, Guy Bovet, Delle Vedove, Lohmann). Dal 2006 affianca varie formazioni, sia orchestrali che cameristiche tra cui Orchestra Naonis, Coro e Orchestra san Marco, Junior Chamber Orchestra ed Ensemble di Musica Contemporanea del Conservatorio Tomadini, Accademia Palatina, Orchestra Nazionale Sinfonica degli Studenti dei Conservatori Italiani. Collabora con diverse corali tra cui il Coro Sant’Antonio Abate e i Pueri Cantores del duomo San Marco di Pordenone, dove insegna pianoforte e dirige gli Juvenes Cantores. È organista titolare della Chiesa di Santa Maria degli Angeli (detta “del Cristo”) di Pordenone. Ingresso libero.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!