Science+ Fiction: i premiati

4 Novembre 2018

TRIESTE. Si è conclusa oggi, con la Cerimonia di premiazione al Politeama Rossetti, la 18^ edizione del Trieste Science+Fiction, la principale manifestazione italiana dedicata alla fantascienza. Ecco i titoli premiati.

Freaks

Premio Asteroide
Vincitore del Premio è “Freaks” di Zach Lipovsky, Adam Stein (Canada, 2018).
Motivazione: “Freaks” offre al pubblico un’esperienza completa, esplosiva e coinvolgente, con una straordinaria vastità e portata, e con un sovvertimento ferocemente arguto della forma dominante del cinema attuale. Propone, inoltre, una potente analisi politica della crescente cultura della paranoia che si sta diffondendo nel mondo.
Menzione Speciale a “Await Further Instructions” di Johnny Kevorkian (Gran Bretagna, 2018).
Motivazione: “Await Further Instructions” è il primo film di genere post Brexit: contiene una critica politica di brutale potenza; è un’opera premonitrice rispetto ai nostri tempi e costituirà per molti anni a venire un fondamentale punto di riferimento.
Premio Asteroide – Concorso internazionale per il miglior film di fantascienza, horror e fantasy riservato alle opere prime, seconde o terze di registi emergenti, raggruppate nella sezione Neon | Competition. Il premio è assegnato da una giuria internazionale composta da professionisti del settore cinematografico ed esperti di cinema fantastico. La giuria 2018 del premio Asteroide è composta da: lo scrittore Richard K. Morgan, la programmatrice internazionale Annick Mahnert, il critico e documentarista Alexandre Poncet.

Premio Méliès d’argent – Lungometraggi
Vincitore: “Man Divided” di Max Kestner (Danimarca, Svezia, Finlandia 2017).
Motivazione: “Man Divided”, opera prima di fiction di un regista già apprezzato per i suoi documentari come Max Kestner, convince per la sua originalità narrativa nel saper reinventare temi classici: i viaggi nel tempo, l’incertezza della sopravvivenza in un futuro non lontanissimo, gli inquieti tormenti del doppio. Diretto con mano ferma, recitato con grande equilibrio, il film spalanca un orizzonte finora sconosciuto nel cinema fantastico, quello della Danimarca e del Nord Europa, da seguire con attenzione.
Il concorso è organizzato in collaborazione con la European Fantastic Film Festivals Federation (EFFF) ed è riservato ai lungometraggi di genere fantastico di produzione europea. Il premio è assegnato da una giuria di professionisti del settore cinematografico e vale anche come nomination per partecipare all’annuale concorso per il Premio Méliès d’or. La Giuria 2018 del premio Méliès d’argent è composta da: il giornalista e critico cinematografico Enrico Magrelli, il docente e critico cinematografico Roy Menarini, il giornalista e scrittore Alessandro Mezzena Lona.

Premio Méliès d’argent – Short Competition
Vincitore: “Thunder from a Clear Sky” di Yohan Faure (Francia, 2018).
Il concorso è organizzato in collaborazione con la European Fantastic Film Festivals Federation (EFFF) ed è riservato ai cortometraggi di genere fantastico di produzione europea. Il premio è assegnato al cortometraggio che riceve il maggior numero di voti dal pubblico in sala e vale anche come nomination per partecipare all’annuale concorso per il Premio Méliès d’or.

Zach Lipovsky

Premio Rai 4
Vincitore: “Freaks” di Zach Lipovsky, Adam Stein (Canada, 2018)
Rai 4, media partner di Trieste Science+Fiction Festival 2018, assegna il Premio Rai 4 a uno dei film della selezione ufficiale Neon.

Stars’ War – Premio della Critica Web
Vincitore: “Jonathan” di Bill Oliver (USA, 2018). Decretano la miglior opera prima dell’edizione 2018 del Festival nove testate online presenti al Festival: BadTaste, Blow Out, Cineblog, CineClandestino, CineLapsus, Cinematographe, Quinlan, Sentieri Selvaggi e Taxi Drivers.

Premio Nocturno Nuove Visioni
Vincitore: “Await Further Instructions” di Johnny Kevorkian (Gran Bretagna, 2018). Riconoscimento assegnato ad un’opera significativa e originale per l’evoluzione del cinema di genere da Nocturno, la principale rivista italiana dedicata al cinema di genere.

Premio CineLab Spazio Corto
Vincitore: “Herd” di Mattia Temponi (Italia, 2018). Il premio è organizzato in collaborazione con il DAMS (Discipline delle arti della musica e dello spettacolo), Corso di studi interateneo Università di Udine e Università di Trieste, ed è riservato al miglior cortometraggio italiano presentato nella sezione Spazio Italia | Spazio Corto. Il premio viene assegnato da una giuria composta da studenti. La giuria 2018 è composta da Leandro Urbani, Edoardo Vidiz, Riccardo Tonon, Ajad Noor e Luciano Ranaldi.

Premio del pubblico
Vincitore: “Lajko Gipsy in Space” di Balazs Lengyel (Ungheria, 2018). Il concorso è riservato ai lungometraggi di finzione presenti in tutte le sezioni, esclusi i classici. Il premio è assegnato al film che riceve il maggior numero di voti dal pubblico in sala.

Premio alla Carriera Urania d’Argento
Vincitore: Douglas Trumbull, due volte premio Oscar, regista e maestro degli effetti speciali. Il Premio Urania d’Argento viene conferito dal 2002 ai grandi maestri che hanno operato nell’ambito del fantastico, in collaborazione con l’omonima testata letteraria Mondadori.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!